Le attività e i valori dell'Istituto Maria Ausiliatrice di Lecco

Vi Potrebbero Interessare...

Mercatino di Betlemme

21 novembre 2014

MERCATINO DI  BETLEMME:
SOLIDARIETÀ SOTTO LE STELLE

Sabato 20 dicembre 2014

Dalle h. 16,00 alle h. 17,30 c’è il mercatino, i lavori e gli animali

Alle h. 17,30 sacra rappresentazione

  •  arrivo di Maria e Giuseppe

  • presepio vivente

  • canti di Natale dei ragazzi e bambini

  • arrivo dei Magi

  • dono a Gesù bambino dei bambini della scuola Primaria e della scuola secondaria di primo grado, oltre a chi vorrà,  e ciò che viene raccolto in offerta di denaro o di alimenti viene dato alla Caritas che sarà presente  e quindi destinato ai bisogni del territorio

Il vin brûlé e il the, offerti dai genitori della scuola primaria, vengono dati dopo gli auguri dei bambini e dei ragazzi con le fette di panettone offerte dagli alunni delle classi terze

dalle h. 19,00 alle h. 21,00 continua il mercatino

 

La manifestazione ha lo scopo di coinvolgere l’intera comunità educante in un percorso di solidarietà per vivere il Natale nella connotazione più significativa e vera che è quella del DONO. In questo anno siamo sollecitati  su questa tematica anche dall’ Expo 2015 che ha come tema  ‘CIBO X TUTTI’

OBIETTIVI PER BAMBINI – RAGAZZI E GIOVANI

Sono previsti su due tappe: una preparatoria il Sabato 13  dicembre e una di realizzazione il 20 dicembre finalizzate a:

  1.  sensibilizzare ai valori dell’altruismo e al dono gratuito (cfr. Natale/dono di Gesù)
  2. educare al riciclo/ecologico attraverso il coinvolgimento nella preparazione del materiale da vendere al mercatino ( tri-ciclo)
  3. essere protagonisti nella concretizzazione dell’esperienza nei giorni 13/20 dicembre   (ruolo del mercante, pastore – sacra rappresentazione – cori e musicisti, guardie e servizio d’ordine con gli adulti)
  4. considerare alcuni aspetti e obiettivi didattici all’interno delle diverse discipline

MODALITA:

Prima del 20 dicembre

  • tematiche da affrontare nelle varie discipline che si prestano a tali contenuti di riferimento
  • buon giorno sul tema in Avvento (circolo virtuoso del TRI-CICLO)
  • realizzazione del mini campo missionario  il 13 dicembre
  • protagonismo del gruppo solidarietà che raccoglie il materiale portato da tutti
  • costruire le monete (DRACMA E DENARIO) con l’effige di Cesare Augusto che poi verranno utilizzate per avere gratis la bevanda calda; costruire i grandi rotoli pergamene che verranno dati ai Magi con scritte di astronomia e profezie; costruire con le penne d’oca le biro per il censimento, il registro delle firme ecc.

CONTENUTI DIDATTICI AFFRONTABILI  NELLA FASE DI PREPARAZIONE

STORIA: Impero Romano, moneta e baratto, datazione a.C e d.C GEOGRAFIA I luoghi di Gesù ieri e oggi (semplici cenni sulla complessa situazione del Medio Oriente per i più grandi ) – l’ambiente del deserto – Il censimento di ieri e di oggi

RELIGIONE: Ampio spazio per ogni età, visto e coordinato con il percorso proposto per il periodo di Avvento

CITTADINANZA E COSTITUZIONE: Essere protagonista, assumermi una responsabilità, conoscere la tematica dell’Expo 2015

ARTE: Inventare l’idea per la locandina che proporrà l’ iniziativa; rappresentare  i mestieri del tempo, disegnare le pergamene e le monete (calco di gesso o dischetti di cartone)

MUSICA: canzoni di Natale, pezzi musicali, note, generi musicali vari

ALTRO: Tutto quello che la creatività del docente potrà immaginare per sensibilizzare i ragazzi e preparali a vivere il Natale

OBIETTIVI PER GENITORI E DOCENTI

  • Guidare i ragazzi nell’esperienza convinti ed entusiasti della sua fattibilità e spendibilità sia in termini formativi che didattici
  • partecipare direttamente con loro
  • costruire la sacra rappresentazione con ruoli e compiti all’interno di essa
  • reperire animali (1/2 pecorelle – un asinello – una capretta da mettere in un mini recinto e creare così un centro di interesse anche per i più piccoli
  • definire costumi  o da predisporre (ne posso avere una sessantina per i mercanti sia ragazzi delle medie che adulti, guardie e altro) o da far creare con semplici indicazioni da dare alle mamme)
  • definire ruoli per allestimento grotta collocata sopra un piano rialzato su cui ci sia anche la possibilità di uno spazio per far salire una quarantina di bambini per l’ omaggio a Gesù
  • definire modalità per allestimento delle tende e bancarelle per il mercato, per le guardie romane che fanno il censimento, per lo spazio dei lavori del tempo (falegname, filatrice di  lana, vasaio, costruttore di cestini di vimini…)

PRECISAZIONI PER L’ORGANIZZAZIONE: Preparazione remota: da lunedì 1 dicembre si raccoglierà il materiale fino al 13 quando al campo missionario si analizzerà e preparerà il materiale

MATERIALE DA REPERIRE:

  • giochi da riciclo quasi nuovi, pelouches, giochi in scatola ma completi
  • candele per poi realizzare centrotavola al mini campo
  • libri in ottimo stato o nuovi
  • prodotti alimentari tipo marmellata, caffè, cioccolato, torrone, panettone (per realizzare cesti natalizi un po’ particolari da vendere)
  • addobbi natalizi con angioletti, lanternini, cuoricini ecc
  • oggettistica varia
  • cestini o cesti che poi serviranno per le composizioni

IMA, giovani ed educazione

3 luglio 2014

A Teleunica, Katia Sala ne parla con sr Cristina

93cedc9d2a3c5ae2349665efedaa824f

Una fiaccolata chiude i festeggiamenti per i 50 anni della Maria Ausiliatrice

26 maggio 2014

di Matteo Possenti - Resegoneonline

Nel giorno della festa della patrona della scuola, la statua di Maria Ausiliatrice è stata portata in pellegrinaggio dall’istituto di via Caldone alla basilica di Lecco.

MariaAusiliatrice 16Rol

«Light my heart», accendi il mio cuore, con queste parole-guida le suore e gli studenti dell’Istituto «Maria Ausiliatrice» hanno percorso ieri 24 maggio, festa di Maria Ausiliatrice, le vie della città, a partire dalla loro scuola in Olate fino alla Basilica di San Nicolò di Lecco.

Il corteo di suore, studenti, famiglie e clero, con la musica del Corpo Musicale Giuseppe Verdi di San Giovanni, ha accompagnato, fiaccola in mano, la statua di Maria Ausiliatrice in questo pellegrinaggio che è un ringraziamento a Maria per i cinquanta anni dell’Istituto nella nostra città.

Ma siamo noi che accompagniamo Maria, in mezzo a luoghi delle nostre vite di tutti i giorni, o è piuttostoLei che accompagna noi in mezzo alle difficoltà e alle gioie, che ci insegna a non stare concentrati su noi stessi, che Gesù è un amico a cui affidare i problemi del nostro cuore, che la nostra fede in Lui è un aiuto anche per la fede di chi ci sta accanto?

«È Maria, infatti, che ci accompagna sempre» ha detto Don Luigi Melesi, salesiano, prima cappellano nell’istituto per ragazzi difficili di Arese e poi per molti anni cappellano del carcere di San Vittore di Milano, raccontando alcuni aneddoti in cui nella sua vita è stato da Maria Ausiliatrice, «perché è a Lei che siamo stati affidati da Gesù sulla croce. “Fate ciò che Lui vi dirà” dice Maria agli inservienti di Cana, perché siamo riempiti di Spirito Santo, per convertirci e credere al Vangelo, per amare gli altri come lui ci ha amato: l’amore salva le famiglie e il mondo intero.»

Tanti ringraziamenti, da parte di tutte le parrocchie di Lecco, per la missione educativa svolta in questi anni, sono stati espressi dal prevosto don Franco Cecchin al Signore Gesù e alle suore, ricordando che il prossimo sacerdote don Luca Parolari è stato studente salesiano.

«Un nuovo cinquantennio si apre», ha detto Suor Irma Fumagalli, direttrice dell’Istituto, «con la stessa certezza che Maria ci sostiene» e con nuovi ringraziamenti da parte delle suore e della comunità educante a tutti coloro che hanno partecipato ieri sera e a tutte le iniziative dell’anno anniversario, in particolare a Mons. Franco Cecchin, a don Luigi Melesi, a Mons. Maurizio Rolla, a tutti i sacerdoti che seguono il cammino spirituale delle suore e dei ragazzi, agli educatori, all’assessore Francesca Bonacina, in rappresentanza del Sindaco, al Corpo Musicale Banda Giuseppe Verdi e al Coro.

Scuole lecchesi riunite per ricordare le vittime della mafia

23 marzo 2014

Da Lecconotizie.com

LECCO – Il 21 marzo si celebra in Italia la XIX la Giornata nazionale della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime delle mafie. Lecco ha deciso di ricordarla anche quest’anno grazie al Coordinamento lecchese di Libera con un momento inserito nel calendario di Leggermente (manifestazione di promozione della cultura e della lettura organizzata da Confcommercio Lecco).

Giornata contro le Mafie (1)

Venerdì mattina gli studenti delle scuole lecchesi Stoppani, Parini e Maria Ausiliatrice, che hanno condiviso negli scorsi mesi percorsi di impegno e legalità, hanno vissuto una giornata intensa nell’auditorium della Camera di Commercio di Lecco.

La Giornata della Memoria e dell’Impegno ricorda tutte le vittime innocenti delle mafie. A condurre la mattinata Paolo Cereda, responsabile lecchese di Libera, che ha ricordato il ruolo della formazione e l’importanza del fare memoria per non dimenticare. Dopo il saluto del prefetto di Lecco Antonia Bellomo (“La mafia non è poi così lontana da noi. La cultura della legalità e del rispetto va promossa in ogni sede respingendo la tentazione di lasciarsi andare a comportamenti mafiosi”) la mattinata è iniziata sulle note del Padrino eseguite dall’orchestra della Stoppani.

Quindi il coro di Maria Ausiliatrice ha accompagnata e intervallato l’interpretazione teatrale, curata da Alberto Bonacina, e messa in scena da alcuni ragazzi del Parini ispirandosi al libro “Per questo mi chiamo Giovanni” scritto da Luigi Garlando. Un’occasione per rivivere la vita di Giovanni Falcone.

Al termine della rappresentazione è toccato a Michele Giordano portare una testimonianza toccante sulla morte del fratello Gaetano, avvenuta nel novembre 1992, commerciante di Gela preso di mira e ucciso dalle cosche mafiose perché non voleva pagare il pizzo.

http://www.lecconotizie.com/attualita/scuole-lecchesi-riunite-per-ricordare-le-vittime-della-mafia-162091/

http://www.laprovinciadilecco.it/stories/Editoriali/lecco-parole-musica-e-teatro-per-le-vittime-di-tutte-le-mafie_1051013_11/

Giornata di spiritualità per Genitori e Docenti

17 marzo 2014

 

Il 23 marzo, dalle ore 9.00 alle ore 13.00, ci sarà, presso la Sala Colonne dell’Istituto Maria Ausiliatrice,  la giornata di spiritualità per Genitori e Docenti.

Sr Enrica Rosanna terrà un incontro a partire dall’esortazione apostolica di Papa Francesco “Evangelii Gaudium“.

Durante la mattinata ci sarà la celebrazione Eucaristica e la possibilità di accostarsi al sacramento della Riconciliazione.

 

Chi è sr Enrica Rosanna?

Suor Enrica Rosanna è nata a Busto Arsizio, sociologa e salesiana, è stata la prima religiosa ad essere nominata da Papa Giovanni Paolo II sottosegretario della Congregazione per la Vita religiosa. E’ dedita da decenni all’educazione religiosa, come ricercatrice, insegnate e preside della Pontificia facoltà di scienze dell’educazione “Auxilium”. Per la sua competenza socio-pedagogica si è accreditata come esperta e studiosa anche presso istituzioni non religiose (Banca d’Italia, Ministero della Pubblica Istruzione). Ha pubblicato numerosi articoli su riviste e saggi su libri e dizionari e alcuni volumi.

Lecco si raccoglie attorno all’urna di Don Bosco

4 febbraio 2014

da Resegoneonline - 1 febbraio 2014

di Gabriella Stucchi - Mario Stojanovic

Una folla innumerevole di persone di tutte le età ha reso omaggio questa mattina al santo presso la basilica cittadina di San Nicolò.

urna don bosco lecco 4

Non ci sono parole adeguate per esprimere la gioia, l’entusiasmo, la devozione con cui una folla innumerevole, ininterrotta, di persone di tutte le età, dai bambini agli anziani, hanno reso omaggio sabato mattina 1 febbraio 2014 all’urna di don Bosco, giunta in Basilica di S. Nicolò alle ore 7.00.

Un ruolo fondamentale è stato rappresentato dalla presenza in città della scuola delle Figlie di M. Ausiliatrice, che hanno preparato con cura questa festa insieme ad insegnanti e alunni, ma anche i sacerdoti della pastorale giovanile che hanno coinvolto egregiamente i ragazzi e i giovani degli oratori, permettendo uno svolgimento solenne ed insieme raccolto della funzione, animata dal coro del Decanato, con i chierichetti provenienti da tutte le parrocchie. 

I numerosi sacerdoti concelebranti, presieduti dal Vicario episcopale mons. Maurizio Rolla e la presenza delle autorità, tra cui il Sindaco Brivio e l’assessore Bonacina, hanno dato l’idea dell’importanza della funzione, ecclesiale nel senso etimologico, in cui il religioso e il civico si uniscono, come voleva don Bosco.

Ha rivolto il saluto iniziale il Prevosto mons. Cecchin, che ha parlato di “momento intenso di grazia”, auspicando che “i genitori abbiano la passione dell’educazione”, che “gli educatori assomiglino a don Bosco” e che “i giovani possano essere segno di un futuro diverso, quello della civiltà dell’amore”. 

Nell’omelia mons. Rolla ha esortato a cogliere il senso di questa convocazione suscitata dalle reliquie di S. Giovanni Bosco, per stare sulle tracce di Gesù. Riferendosi poi alla prima lettura tratta dal profeta Ezechiele, ha invitato a verificare se la virtù della fede tocca la nostra vita, dandole quel tocco di gioia sottolineato da Paolo: “Siate semprelieti”. Essere credenti ininterrottamente.

Da don Bosco ci viene chiesto di fare ogni volta passi con onestà profondaponendoci, come dice Gesù nel Vangelo, come bambini, con la semplicità che li caratterizza, anche se a volte ad alcuni sembrano “un po’ ingombranti” (da qui la denatalità).

Il Vicario ha invitato, nella prospettiva della peregrinatio dell’urna di don Bosco, a chiederci con quale spirito di fede onoriamo i santi, invocando l’aiuto del Signore perché custodisca il nostro cammino sulle sue tracce, ravvivi col fuoco le ossa inaridite per conseguire quello che ci è stato annunciato: ”Attirerò tutti a me”.

Dopo la fine della celebrazione eucaristica è continuata la preghiera mentre le persone sfilavano attorno all’urna, con un sorriso, un tocco sull’urna, con devozione e raccoglimento.

Una funzione che resterà impressa, perché si è compreso che il santo educatore ancora oggi parla ai nostri cuori e dai suoi pensieri possiamo trarre insegnamenti per dare speranza al nostro futuro. Da don Bosco dobbiamo invocare la forza e l’ispirazione per avviare un cammino che nell’attuale contesto sociale faccia sentire i giovani protagonisti del loro futuro, valorizzando le loro potenzialità, correggendo i loro errori, ma soprattutto incoraggiandoli verso il Bello e il Bene, perché siano “buoni cristiani e onesti cittadini” come voleva don Bosco.

La leggiadria e la forza di Simona incantano tutti

29 gennaio 2014

Da Il Giornale di Lecco, 27 gennaio 2014

(tgv)

E’ possibile sp1024erare anche laddove di spazio per la luce non c’è quasi più traccia; è possibile sognare anche partendo dai propri difetti e dai propri limiti, scoprendo qualità e abilità inimmaginabili. E’ difficile tradurre in parole una testimonianza di vita a 360 gradi, come quella di Simona Atzori. Ballerina senza braccia e artista, la sua storia è una di quelle che colpiscono e sono capaci di dare fiducia.

L’occasione è stata offerta dall’evento organizzato dall’Istituto Maria Ausiliatrice sabato sera nell’Auditorium della Casa dell’Economia. Davanti a una sala gremita, al centro è stato messo il difficile e delicato tema dell’educare, riletto però in una chiave diversa, quella ben sintetizzata dal titolo “La speranza, una virtù in contropiede”. Intervistata dal giornalista del Giornale di Lecco Lorenzo Bonini, Simona ha dialogato con don Fabio Attard, salesiano e consulente mondiale per la Pastorale Giovanile. Se le parole hanno provato a raccontare che la speranza è una virtù ancora possibile, anche laddove sembra sopita, è stato però anche il momento della danza a incantare tutti e far prendere concretezza alle parole. La ballerina Atzori, infatti, si è esibita in coreografie e passi di danza, stupendo tutti per la sua leggiadria e la sua abilità. Alla fine, gli applausi sono stati tanti, segno che davvero c’è tanto bisogno di storie di speranza capaci di rompere il buoi del nostro tempo.

 

Da Resegoneonline

http://www.resegoneonline.it/articoli/Proseguono-i-festeggiamenti-per-i-cinquanta-anni-dell-Istituto-Maria-Ausiliatrice-20140126

 

 

 

Cosa ti manca per essere felice?

21 gennaio 2014

coverSimona Atzori – Ed. Mondadori

Perché ci identifichiamo sempre con quello che non abbiamo, invece di guardare quello che c’è? Spesso i limiti non sono reali, i limiti sono solo negli occhi di chi ci guarda. Dobbiamo fermarci in tempo, prima di diventare quello che gli altri si aspettano che siamo. È nostra responsabilità darci la forma che vogliamo, liberarci di un po’ di scuse e diventare chi vogliamo essere, manipolare la nostra esistenza perché ci assomigli. Non importa se hai le braccia o non le hai, se sei lunghissimo o alto un metro e un tappo, se sei bianco, nero, giallo o verde, se ci vedi o sei cieco o hai gli occhiali spessi così, se sei fragile o una roccia, se sei biondo o hai i capelli viola o il naso storto, se sei immobilizzato a terra o guardi il mondo dalle profondità più inesplorate del cielo. La diversità è ovunque, è l’unica cosa che ci accomuna tutti. Tutti siamo diversi, e meno male, altrimenti vivremmo in un mondo di formiche. Non c’è nulla che non possa essere fatto, basta trovare il modo giusto per farlo. Io tengo il microfono con i piedi, altri con le mani, altri ancora lo tengono sull’asta. Sta a noi trovare il modo giusto per noi. Io credo nella legge dell’attrazione: quello che dai ricevi. Se trasmetti amore, attenzione, serenità; se guardi alla vita con uno sguardo costruttivo; se scegli di essere attento agli altri e al loro benessere; se conservi le cose che ami e lasci scivolare via quelle negative, la vita ti sorriderà. Se avessi avuto paura sarei andata all’indietro, invece che avanti. Se mi fossi preoccupata mi sarei bloccata, non mi sarei buttata, avrei immaginato foschi scenari e mi sarei ritirata. Invece ho immaginato. Adesso sono felice, smodatamente, spudoratamente felice. Ed è una gioia raccontarla, questa mia felicità.

Simona

 

 

Gli studenti del Maria Ausiliatrice stagisti per una settimana

13 gennaio 2014

Da Resegoneonline 13 gennaio 2014

Dal 7 al 13 gennaio i ragazzi dell’Istituto salesiano hanno avuto un primo approccio con il mondo del lavoro in diverse aziende di Lecco, tra cui la redazione di Resegoneonline

alessia adamoli michela butti

Anche quest’anno l’Istituto Maria Ausiliatrice di Lecco ha dato la possibilità ad alcuni studenti della scuola superiore di partecipare ad uno stage di una settimana in alcune aziende del territorio, che hanno dato la loro disponibilità al progetto, tra cui anche la redazione di Resegoneonline.

Tra gli studenti che non hanno ricevuto debiti formativi e che hanno richiesto la possibilità di fare un’esperienza sul campo, hanno lavorato all’interno del giornale come stagiste due ragazze di 5^ liceo linguistico, Alessia Adamoli e Michela Butti.

Durante il periodo di tempo trascorso in redazione, le due studentesse hanno potuto lavorare davvero come giornaliste, partecipando a conferenze stampa, intervistando le persone e utilizzando il materiale raccolto e gli strumenti a disposizione per la realizzazione di alcuni articoli che sono poi stati pubblicati sul giornale.

L’esperienza è stata importante e formativa sotto molti punti di vista, perché ha dato la possibilità ad Alessia e Michela di avvicinarsi al mondo del lavoro e di farsi un’idea generale e più concreta di ciò che le aspetta dopo gli studi. Inoltre hanno potuto conoscere meglio la professione del giornalista e la funzione dell’informazione nella società, argomenti che non fanno parte del loro percorso di scolastico, ma che sono risultati utili e interessanti.

“Questo progetto ci ha fatto aprire gli occhi su un mondo diverso da quello della scuola che viviamo ogni giorno – sottolineano Alessia e Michela – ed è stato particolarmente stimolante conoscere le varie professionalità che operano in questo ambito e il loro diverso modo di lavorare, che li porta ad avere opinioni diverse rispetto a un solo tema e a scrivere articoli in cui non emerge sempre e solo un punto di vista unico, ma varie idee differenti e originali.”

Tante esperienze per gli alunni dell’Istituto Maria Ausiliatrice

12 gennaio 2014

Da Resegoneonline, 10 gennaio 2014

Gli studenti che non hanno avuto corsi di recupero, nella settimana dal 7 al 13 gennaio, sono impegnati in una serie d’interessanti attività

stage ima lecco2.jpg

Un ricco ventaglio di opportunità, che spaziano da stage in diversi ambienti lavorativi o attività nel campo del volontariato, è stato messo a disposizione degli studenti dell’Istituto Maria Ausiliatrice di Lecco che, nella settimana compresa tra il 7 e il 13 gennaio, non sono stati impegnati con i corsi di recupero.

Queste le attività proposte: una settimana sportiva con ballo latino americano e tornei sportivi, un cineforum organizzato dall’associazione ex-allievi salesiani, la settimana del volontariato organizzata in collaborazione con Solevol presso alcune associazioni (tra cui la cooperativa Insieme, l’Auser di Lecco e l’Avis), oppure una settimana di stage presso enti o aziende, tra i quali anche la redazione del nostro giornale, Resegoneonline.

 

Consegnate al Teatro Sociale le benemerenze

9 dicembre 2013

Da Resegoneonline

Lecco, 07 dicembre 2013

Durante la cerimonia sono stati premiati i benemeriti 2013 che hanno ricevuto l’importante riconoscimento dal primo cittadino Virginio Brivio

benemerenze 2013 lecco19.jpg

Teatro Sociale gremito venerdì sera per la tradizionale consegna delle benemerenze civiche che chiude i festeggiamenti per il Santo Patrono, San Nicolò. Cinque i riconoscimenti che il Comune di Lecco ha voluto attribuire quest’anno:

Arch.Bruno Bianchi (alla memoria), per il suo impegno come amministratore locale e nel settore della promozione culturale e della valorizzazione del patrimonio storico e artistico lecchese

Matteo Della Bordella e Luca Schiera, alpinisti del gruppo Ragni di Lecco, per i meriti sportivi e gli straordinari risultati ottenuti nelle prime assolute salite in Patagonia e Pakistan

Figlie di Maria Ausiliatrice, che da 50 anni presenti a Lecco trasmettono i valori del patrimonio educativo salesiano, attraverso la loro azione educativa, investendo sui giovani e proponendo ogni anno attività culturali, ricreative e sociali per tutta la cittadinanza

Barbara Foglieni, ricercatrice, in virtù dell’attività professionale e scientifica svolta presso l’Ospedale “A. Manzoni” di Lecco, che ha portato nel 2008 all’importante identificazione di una variante del virus HIV-1, utile a una maggiore sicurezza nei processi trasfusionali del sangue

Ambrogio Valsecchi (alla memoria) teologo, nel 30° anniversario della scomparsa, per l’impegno formativo e sociale che ha rivestito nella sua vita, esempio di conoscenza, apertura mentale ed eticità come risposte per affrontare la crisi, anche attuale, del Paese.

Calendario IMA 2014

27 novembre 2013

Presso l’Istituto è possibile acquistare il Calendario IMA 2014 realizzato con disegni e foto dei nostri alunni e di tanti altri ragazzi delle scuole delle Figlie di Maria Ausiliatrice nel mondo. E’ una buona occasione per un dono e un gesto di solidarietà.  Grazie

S.OS. FILIPPINE

19 novembre 2013

 Gent.mi Genitori, vogliamo condividere con voi l’appello che la nostra Madre Generale e il suo Consiglio hanno fatto alle nostre comunità locali per rispondere al S.O.S. Filippine.   In questa nazione abbiamo la presenza di 19 comunità e 150 Figlie di Maria Ausiliatrice. Alcune delle loro case sono state danneggiate dal tifone, per fortuna in modo non troppo grave così da permettere accoglienza e aiuto a tanta gente rimasta senza casa.

L’economa generale dell’Istituto lancia questo appello:

“Per un aiuto concreto alla popolazione così sofferente delle Filippine, soprattutto nell’isola di Leyte, indichiamo il costo di un kit per una famiglia di 5 persone composto da beni duraturi e alimenti per 5 giorni. La nostra riconoscenza è profonda perché ci aiutate e aiutate le nostre sorelle Figlie di Maria Ausiliatrice delle Filippine a prestare i primi e urgenti soccorsi. Per le coordinate vi invitiamo a seguire le indicazioni del sito: www.cgfmanet.org alla voce Donazioni (link). L’economa Generale Sr. Wilma Tallone”

KIT PER UNA FAMIGLIA DI 5 PERSONE E CIBO PER 5 GIORNI

5 materassini gomma piuma

$ 57,5

5 lenzuola

$ 11,5

Biancheria

$ 57,5

Utensileria cucina

$ 34,5

Prodotti per igiene personale

$ 11,5

Pacco alimenti: 5 kg. di riso, 1 kg. di zucchero, 200 gr. di sale, caffè, latte, pasta e sardine in scatola)

$ 80,5

Acqua

$23

Valigie

$11,5

TOTALE

$ 287,50

€ 215,00

Gli studenti dell’Istituto Maria Ausiliatrice dicono la loro sulla guerra

16 novembre 2013

Da Resegoneonline

Lecco, 16 novembre 2013

Dopo una conferenza sul caso Siria, il Gruppo socio-politico della scuola di via Caldone stende un articolo, che Resegoneonline ospita volentieri, perché documenta quanto i giovani educati a distinguere i valori veri da quelli espressi dalla pervasiva generica vulgata, oggi tanto di moda, siano capaci di meditati e costruttivi approfondimenti.

siria

Guerra civile in Siria (foto archivio Rivista illustrata Unesco)

I ragazzi del Gruppo socio-politico dell’Istituto Maria Ausiliatrice di Lecco hanno redatto questo primo articolo, al quale, ci auguriamo, ne seguano presto altri. Si tratta di una riflessione maturata al termine di una conferenza che il giornalista siriano, Samaan Daoud, ha tenuto nell’Aula Magna del loro Istituto. Gli interrogativi che il Gruppo si pone denotano una maturità e una presa di coscienza – sui temi della guerra e della rappresentazione che i media ne danno – che dovrebbero far pensare anche al mondo degli adulti.

“Ho appreso con grande dolore che due giorni fa, a Damasco, colpi di mortaio hanno ucciso alcuni bambini che tornavano da scuola e l’autista dell’autobus. Altri bambini sono rimasti feriti. Per favore, che queste tragedie non accadano mai! Preghiamo fortemente! In questi giorni stiamo pregando e unendo le forze per aiutare i nostri fratelli e sorelle delle Filippine, colpiti dal tifone. Queste sono le vere battaglie da combattere. Per la vita! Mai per la morte!”

Queste parole sono dell’udienza di Papa Francesco di mercoledì 13 novembre, due giorni fa. Sono passati solo quindici giorni da quando abbiamo ascoltato l’accorata testimonianza del giornalista siriano Samaan Daoud, ma scorrendo il sito “Ora pro Siria”, quante notizie di violenza insensata e crescente. E, per conoscerle, poche voci, perché i grandi media generalisti sono passati dalla fase delle notizie, spesso capziose e di parte, urlate, a quella del silenzio che accompagna fatti ormai passati di moda e pronti per essere dimenticati.

Riflettendo su quanto abbiamo sentito e approfondito ci sono rimaste solo tante domande, alcune retoriche, lo ammettiamo, ma che possono aiutare noi e voi ad andare oltre quello che ci viene detto o non detto, quello che vogliono farci pensare, alla ricerca della verità.

1. Ci chiediamo: come mai tanta confusione in ciò che ci viene detto, scritto, mostrato? Ormai ci sono telecamere ovunque, si può comunicare in tempo reale da una parte all’altra del mondo, eppure in questo caso, come in tanti altri, nessuno aiuta a capire e troppi a confondere. Di chi fidarsi?

2. Ormai sembra chiaro a tutti che queste rivolte e queste guerre, qualsiasi sia il motivo per cui nascono, vengono sfruttate dalle grandi potenze per ragioni economiche e strategiche. Ma non c’è un limite morale nel perseguire i propri interessi? Se lo scopo è la democrazia, cioè il potere del popolo, perché in queste situazioni e nelle soluzioni che emergono è il popolo la prima vittima? Ci chiediamo e vi chiediamo: la Libia, finalmente liberata e democratica, in che situazione è oggi? E l’Egitto?

3. Le divisioni religiose sembrano sempre di più una copertura degli interessi economici e politici. Ma, anche dal punto di vista religioso, perché il mondo islamico è così diviso e instabile? Se l’unica forma di convivenza riuscita era quella sotto regimi come quelli di Gheddafi, Mubarak, Assad e l’alternativa l’applicazione della sharia, esiste un Islam moderato?

4. In questa guerra civile sono schierati l’uno contro l’altro un esercito regolare e uno o più gruppi di ribelli. Possibile che un esercito regolare, coi mezzi di cui dispone, non riesca ad evitare il coinvolgimento di civili? Possibile che un gruppo di ribelli riesca ad avere armi, addestramento, mezzi e risorse tali da fronteggiare un intero esercito regolare?

5. Come possono, persone che dicono di agire per scopi religiosi, comportarsi in modo così efferato? Uccidere donne e bambini, farsi scudo coi loro corpi, distruggere, cacciare, affamare intere città? Come può essere “religioso” tutto questo?

Domande. Ma crediamo siano importanti per iniziare un cammino di coscienza e di verità che ci apra gli occhi su questa situazione e sulle tante altre che ci sono e di cui non si sa nulla, perché certi interventi si fanno solo dove “ne vale la pena”. Magari rimarrà deluso chi cercava risposte, ma l’unica che viene, anche se solo per alcuni di noi, è la preghiera. Del resto è quello che ci hanno chiesto i nostri coetanei siriani, del resto sembra l’unica via d’uscita dopo il probabile fallimento della conferenza Ginevra 2 prevista ma non ancora realizzata, del resto è quella che, con il digiuno richiesto da papa Francesco, ha fermato l’intervento armato in Siria che avrebbe significato nuovo dolore e nuova distruzione per quel popolo già tanto provato.

http://www.resegoneonline.it/articoli/Gli-studenti-dell-Istituto-Maria-Ausiliatrice-dicono-la-loro-sulla-guerra-20131115/

IMARUN, la camminata del sorriso

29 ottobre 2013

E’ ancora notte quando mi alzo per rifinire il percorso della nostra ImaRun. E’ sera quando finisco di togliere dalla città di
Lecco ogni segno (frecce e nastri) del nostro passaggio.
In questo arco temporale una valanga di emozioni mi travolgono e insieme a me altre 750 persone vivono una delle più significative esperienze
sportive di questi 50 anni di vita del nostro istituto.
Il cielo grigio che minaccia la pioggia non intacca minimamente l’entusiasmo delle tante famiglie che hanno la possibilità di scegliere tra 2 percorsi
di 6 e 12 km.
Dopo i saluti della nostra direttrice Suor Irma e del Sindaco di Lecco Virgionio Brivio, un fiume giallo si riversa con tutta l’allegria che ha in corpo
per le vie della città. Giallo è il colore della maglietta creata per l’occasione che riporta sul fronte un simpatico smile e sul retro tante parole che ricordano i valori salesiani.

N--1128
Tanta gente che corre, che cammina, felice di esserci e di testimoniare l’appartenenza alla nostra scuola: sono tanti gli ex-allievi, gli alunni e i genitori che, pur riconoscendo la natura non competitiva dell’IMARUN, ce la mettono tutta.

N--1135
I percorsi svelano ai lecchesi e ai non lecchesi alcune vie poco note che collegano dei tratti in centro città ai più conosciuti tratti lungo la ciclabile del lago.
La scuola elementare ha preparato un bel ristoro a metà della fatica che viene apprezzato da grandi e piccini. Questi ultimi sono gasatissimi per la caccia agli IMA PETS che hanno cominciato a raccogliere fin dal primo km; grazie alle collaborazione dei ragazzi della scuola superiore vengono distribuite centinaia di immagini di pupazzetti che ricordano i valori a cui facciamo riferimento da 50 anni di scuola qui a Lecco.

CIMG0337 (Medium)
La città assiste con curiosità e interesse al nostro passaggio allegro e festoso. Che bello vedere insegnanti, educatori e alunni correre insieme!
Oggi, a pochi giorni dalla manifestazione, ho vive dentro me le immagini di quei sorrisi soddisfatti all’arrivo. I visi sono stanchi per la fatica ma la voglia di esserci è ben visibile specie nelle espressioni dei bambini.
La premiazione è una vera festa: premi per tutti, primi e non primi. Ci ritroviamo alle 12 ad applaudire i premiati e a ritirare il prezioso pacco gara che fa felice ogni partecipante. Che spettacolo! Ci si saluta tutti e si scambiano i grazie per il lavoro svolto dai numerosi volontari.
“Quando faremo IMARUN 2014?” mi sento ripetere più volte.
Ho applaudito dal primo all’ultimo arrivato, senza differenze. La mia fatica, come altre volte, si dissolve con la gioia e la soddisfazione dei partecipanti per aver vissuto una mattinata di sport e di amicizia.

Grazie a tutti, anche alla comunità delle suore che hanno lavorato dietro le quinte e hanno partecipato alla camminata in modo diverso, ma ugualmente fantastico.

Giacomo Cominotti – insegnante e organizzatore

L’IMARUN si è rivelata una grande opportunità per divertirci insieme correndo per le vie di Lecco.
In questa corsa, l’importante non era il livello atletico di ciascun partecipante, bensì tagliare il traguardo gioiosi e soddisfatti, nella consapevolezza di aver dato il meglio di sé e aver vissuto un evento celebrativo indimenticabile!
Giulia Tentori scuola media

Il carisma salesiano perenne valore nell’opera educativa

12 ottobre 2013

Lecco, 11 ottobre 2013

Il carisma salesiano perenne valore nell’opera educativa

di Alberto Comuzzi – Resegoneonline

Il 50° anniversario d’attività dell’Istituto Maria Ausiliatrice, che si apre domenica 13 Ottobre, è un’occasione per le Figlie spirituali di san Giovanni Bosco di testimoniare la loro volontà di essere al servizio della comunità lecchese

suore imaDa sinistra: Giuseppe Allegro, suor Cristina Merli, suor Irma Fumagalli, suor Mariateresa Nazzari, Eva Bianchi e suor Mariangela De Bortoli

La pedagogia di don Bosco, “educare anche attraverso lo sport”, è ben presente nelle sue Figlie spirituali dell’Istituto Maria Ausiliatrice di Lecco, le quali, come prima iniziativa per celebrare mezzo secolo di presenza in città (in realtà una comunità salesiana opera fin dal 1943) a servizio del territorio, hanno organizzato una marcia non competitiva per domenica 13 Ottobre. Le religiose Irma Fumagalli, direttrice dell’Istituto, Cristina Merli, preside del Liceo, Mariateresa Nazzari, preside della scuola media, Mariangela De Bortoli, responsabile della scuola elementare e di quella dell’infanzia – coadiuvate da Daniele Bianchi, da sua figlia Eva e da Giuseppe Allegro, titolari della Bianchi R.P. Associati, l’agenzia di comunicazione che, a titolo onorifico, ha deciso di seguire la comunicazione dell’istituto – hanno steso il nutrito programma del 50° di attività ben sintetizzato nell’agile brochure

“Forza interiore per affrontare sfide globali. I cinquant’anni di carisma dell’Istituto Maria Ausiliatrice di Lecco”. Come suor Irma ha tenuto a precisare, il 50° anno di vita dell’Istituto (che coincide con quelli analoghi aperti, nello stesso anno, a Varese e a Cinisello Balsamo – Milano) «non vuole essere un’auto-celebrazione, bensì un momento di riflessione e di condivisione con la comunità lecchese dei valori educativi secondo lo stile salesiano». Eva Bianchi, coinvolta nella comunicazione dell’evento, ma anche come genitore (ha due figli iscritti all’Istituto), confida di provare «la gioia della preparazione percependo, tra i locali della sede di via Caldone 18, un’atmosfera casalinga semplice e serena».

Una conferma esplicita, la sua, dei valori poeticamente annunciati ne “Il sabato del villaggio”, di Leopardiana memoria, in cui lo spirito si rallegra più nell’attesa e nella preparazione della festa che non nel giorno della festa medesima. Di questo spirito si sentono pervasi i non pochi genitori che oggi prendono parte, insieme ai loro figli, alle manifestazioni del Cinquantesimo: va oltre la tenerezza materna o paterna sapere che il proprio figlio siede sugli stessi banchi, dentro le medesime aule, un tempo da noi stessi frequentate. C’è come una sottile linea in filigrana che lega tanti ex allievi salesiani tra di loro e tanti ex alunni che oggi accompagnano i propri figli nelle scuole animate dai Figli e dalle figlie spirituali di san Giovanni Bosco.

L’Istituto Maria Ausiliatrice, l’IMA, come più brevemente si fa chiamare a Lecco, è soprattutto un presidio di valori educativi ispirati al cristianesimo. Ecco perché nel calendario delle manifestazioni del Cinquantesimo (oltre alla camminata di domenica 13 Ottobre – alla quale si sono già iscritti oltre 600 persone – sono in programma appuntamenti, che Resegoneonline seguirà di volta in volta, il 23 Novembre prossimo, il 25 Gennaio, il 18 Febbraio, il 9 Aprile, il 24 e 25 Maggio 2014) riecheggeranno valori come amore, gioia, condivisione, opportunità, impegno, ragione, spiritualità, umiltà, determinazione, umanità, trasformazione, passione, rispetto, serenità, testimonianza, carisma.

 

Manager dei Lloyds RQA a scuola con i nostri alunni

26 settembre 2013

Un’esperienza nuova e interessante quella vissuta dagli alunni di 2^ Liceo Economico Sociale il 18 settembre.

In occasione di una giornata formativa di sei manager di LRQA Italy, il Dott. Vincenzo Patti, Amministratore Delegato, ha scelto una classe della nostra scuola per condividere il team building.

Gli alunni di seconda hanno presentato un cartone animato per bambini sul tema dell’identità realizzato con i docenti di italiano e scienze umane, sottolineando le modalità di lavoro cooperativo, e i manager hanno raccontato agli studenti, oltre allo specifico del loro lavoro, quanto sia indispensabile saper lavorare insieme.

Due ore trascorse velocemente che hanno allargato gli orizzonti dei ragazzi e hanno costretto i manager a mettersi in gioco con destinatari che non sono certo abituali per loro. Ottima sinergia!

photo

Aggiornamento orari segreteria

29 luglio 2013

Inseriti in NOTIZIA PER I GENITORI – SEGRETERIA -gli orari di apertura/chiusura della segreteria nei mesi di luglio – agosto e per l’anno 2013-2014

Progetto Cariplo Scuola21: la Fondazione pubblica in home page il sito realizzato dalla nostra scuola come “buona pratica”

26 luglio 2013

Pubblicato e apprezzato dalla fondazione il lavoro svolto dalle classi 3^ liceo:

http://www.fondazionecariplo.it/Scuola21/sv1.do;jsessionid=951CB5DC76C5097852B0946DA46E21D1

 

Dal sito:

E’ terminato da pochi giorni il progetto “Riscoperta dei percorsi ciclo-pedonali lungo i laghi briantei”. Il progetto è stato ben sintetizzato dalla relazione delle fasi 1-2-3 e dalla relazione finale.

Il sito internet dedicato al progetto è davvero ben fatto! Ci sono immagini, relazioni e video. Una buona pratica da cui trarre utili suggestioni per il proprio lavoro di insegnante.

 

Annone: taglio del nastro del 2° lotto della ‘ciclabile’. La cartellonistica ideata dagli studenti del Maria Ausiliatrice

5 luglio 2013

prelievo delle acque del lago

di Marta Mazzolari, Casateonline

Ci saranno anche loro all’inaugurazione del secondo e ultimo lotto della ciclopedonale di Annone prevista per sabato mattina: i ragazzi della terza liceo scientifico, indirizzo scienze applicate, dell’istituto Maria Ausiliatrice di Lecco. Proprio loro, insieme ai “colleghi” della terza liceo scientifico indirizzo economico-sociale, sono stati infatti gli autori protagonisti di un interessantissimo progetto della durata complessiva di due anni finanziato dalla Fondazione Cariplo e nominato Scuola 21 incentrato sul tema della sostenibilità e della riqualificazione ambientale.Ci saranno anche loro all’inaugurazione del secondo e ultimo lotto della ciclopedonale di Annone prevista per sabato mattina: i ragazzi della terza liceo scientifico, indirizzo scienze applicate, dell’istituto Maria Ausiliatrice di Lecco. Proprio loro, insieme ai “colleghi” della terza liceo scientifico indirizzo economico-sociale, sono stati infatti gli autori protagonisti di un interessantissimo progetto della durata complessiva di due anni finanziato dalla Fondazione Cariplo e nominato Scuola 21 incentrato sul tema della sostenibilità e della riqualificazione ambientale.

Terreno di indagine sono stati proprio i laghi Briantei di Annone e Pusiano che i ragazzi, circa una quarantina in totale tra le due classi, hanno affrontato mediante un percorso interdisciplinare che è passato dal prelievo e analisi in laboratorio della qualità delle acque, allo studio delle caratteristiche relative a flora e fauna dei bacini, fino ad arrivare ad un’analisi storico-artistica dei luoghi, non soltanto letti attraverso le opere di alcuni degli scrittori più importanti che hanno tratteggiato i laghi briantei in alcuni dei loro capolavori (da Stendhal al Parini passando per Segantini), ma anche attraverso uno studio dettagliato dei manufatti di pregio artistico e architettonico presenti sul territorio, utili per una valorizzazione complessiva, turistica ed ambientale, di alcuni tra gli scorci più belli del territorio brianzolo.

Il risultato di questo accuratissimo lavoro è quindi stato inserito in un sito internet che vi invitiamo a visitare (www.imascuola21.it) e all’interno di due dvd promozionali, ideati e realizzati dagli stessi studenti in collaborazione con lo studio Lab80 di Bergamo.
Ma non finisce qui. Le due classi hanno infatti lavorato separatamente concentrandosi ciascuna su uno dei due bacini lacustri, studiati con approcci differenti legati alle specificità dei luoghi e alle peculiarità dell’indirizzo di studio.
E per quanto riguarda il lago di Annone sono stati proprio gli stessi giovanissimi autori a ideare un vero e proprio percorso vita lungo il nuovo tratto di ciclopedonale che vedrà a breve il taglio ufficiale del nastro. Otto cartelloni, sempre studiati dagli studenti, saranno quindi posizionati lungo la ciclabile presentando alcuni degli aspetti salienti del percorso e del lago, con indicazioni naturalistiche, culturali, artistiche e geografiche relative anche ad alcune “perle” del territorio tra cui Villa Cabella, la chiesa di San Giorgio, la darsena, l’antico lavatoio romano e il battistero San Giovanni Battista.

Un progetto pregevole, presentato alle due giunte comunali di Annone e Oggiono, che ha ottenuto il plauso di entrambe le amministrazioni comunali.
Non meno degno di nota anche il lavoro realizzato sul lago di Pusiano che ha visto gli studenti impegnati nel prelievo e analisi delle acque, nell’approfondimento artistico e culturale del territorio nonché nella realizzazione di un questionario a scopo statistico incentrato proprio sul tema dell’inquinamento. Il frutto di due anni di lavoro è quindi stato riassunto in una brochure di presentazione redatta in italiano e in altre quattro lingue: inglese, francese, spagnolo e tedesco.
“Per i ragazzi è stata un’interessante occasione, non soltanto per riscoprire il territorio ma soprattutto per lavorare in modo interdisciplinare” commenta la dirigente scolastica suor Cristina Merli. ”Il progetto ha inoltre fornito l’opportunità di lavorare in rete con tante realtà: dall’associazione Eco86, allo studio Lab80 di Bergamo fino all’incontro con il grafico che ha dato loro le indicazioni per realizzare i volantini e le brochure”.

E positivo è anche il giudizio degli stessi ragazzi, che su questo progetto hanno lavorato intensamente con risultati che sembrerebbero sorprendenti data la loro giovane età. ”Per noi è stata una bella esperienza: oltre a stare sui libri abbiamo avuto la possibilità di mettere in pratica le nostre conoscenze cimentandoci anche in qualcosa di nuovo come la realizzazione e ideazione di un video o di in percorso di cartellonistica” commenta Andrea Della Torre, 3°LSA, che sabato mattina sarà proprio ad Annone per illustrare il lavoro svolto.
Positivo anche il giudizio di Melania Riboldi, 3°LES: ”Questo progetto ci ha consentito di aprire la mente e mettere in pratica le nostre conoscenze riscoprendo in modo nuovo quello che ci circonda. Ora possiamo dire di vedere il lago di Pusiano con occhi diversi, dopo averne rivissuto anche la storia attraverso la testimonianza lasciata dagli artisti o il racconto degli anziani del territorio”.
L’inaugurazione del secondo e ultimo lotto della ciclopedonale annonese, lo ricordiamo, avrà luogo sabato 6 luglio, alle ore 10. Il ritrovo è previsto presso il parcheggio del ristorante “Antico Borgo della Madonnina”. Seguirà un rinfresco per tutti i partecipanti.

Cinquant’anni della Maria Ausiliatrice: un musical per ricordare la fondatrice Maria Mazzarello

12 giugno 2013

di Matteo Possenti

croppedimage701426-AccendiilSorrisoSeiconnoi-17rol

Nell’ambito delle celebrazioni organizzate per questo fine settimana, ieri è andato in scena lo spettacolo ‘Sei con noi’, scritto, musicato, cantato e interpretato dai ragazzi e giovani dell’Oratorio Centro Giovanile «Mondo Giovane» di Livorno.

Grande festa all’Istituto Maria Ausiliatrice di Lecco per i settanta anni di presenza educativa in città e per i cinquanta della struttura scolastica di Olate. La direttrice Suor Irma ha dato l’avvio al ciclo di iniziative per la celebrazione di questi anniversari, intitolato «Accendi il sorriso» presentando il musical «Sei con noi», scritto, musicato, cantato e interpretato dai ragazzi e giovani dell’Oratorio Centro Giovanile «Mondo Giovane» di Livorno, che hanno vestito i panni ottocenteschi di Maria Mazzarello, fondatrice della congregazione delle Suore di Maria Ausiliatrice.

Perché il sorriso? «Perché la gioia nel cuore e nel volto che nasce dall’amore di Dio, che non manca mai, nemmeno nelle avversità più dure, è la porta da cui transitano i valori che don Bosco e suor Maìn ci hanno insegnato a trasmettere a quanti condividono con noi un tratto di strada nella scuola» spiega suor Irma, «perché» aggiunge «bisogna credere nei giovani».

Al termine del coinvolgente ed applauditissimo spettacolo da parte dal pubblico di studenti e familiari, che gremiva la palestra dell’Istituto, Suor Irma ha dato il via al gesto simbolico e suggestivo del lancio delle lanterne luminose. Nel buio e nel freddo della notte di questo strano mese di maggio sono state liberate ventinove lanterne di carta, una per ogni classe della scuola, con la partecipazione dell’Assessore Bonacina del comune di Lecco, di don Enrico, delegato dell’Ispettore Salesiano, e di don Luigi della Parrocchia di Olate.

Legalità e lotta alle mafie, il Sindaco riflette con gli studenti della Maria Ausiliatrice

2 maggio 2013

Lotta-mafia

Si è chiuso oggi con lo spettacolo ‘A un passo dal cielo. W la mafia’, di Aldo Rapè, interpretato da Marco Rigamonti e con l’intervento del sindaco di Lecco, Virginio Brivio, il cammino sul tema della legalità intrapreso a partire da Febbraio dagli studenti delle superiori dell’Istituto Maria Ausiliatrice di Lecco.

«Il percorso – spiega la preside, Suor Cristina Merli – ha visto i ragazzi impegnati nella visione di alcuni film sul tema, nella visita ai luoghi lecchesi della mafia e nell’appuntamento della rassegna Leggermente ‘Semi di giustizia, fiori di corresponsabilità’, in occasione del quale i nostri studenti hanno interpretato la canzone ‘Pensa’ di Fabrizio Moro. Le classi di quarta e di quinta hanno poi effettuato una visita di istruzione in Sicilia sui luoghi della Mafia, dove hanno potuto ascoltare le testimonianze forti di chi vive questa problematica tutti i giorni. Questo è stato possibile grazie anche all’associazione AddioPizzo Travel».

Suor Cristina Merli ha chiuso l’incontro odierno rivolgendo ai suoi studenti la semplice quanto spiazzante domanda: “E ora? Ora cosa facciamo noi come singoli e come scuola?”. «In occasione della festa di Istituto del 26 Maggio – conclude la Preside – intendiamo presentare il progetto con cui cercheremo di rispondere a questo interrogativo».