Lecco, 11 ottobre 2013

Il carisma salesiano perenne valore nell’opera educativa

di Alberto Comuzzi – Resegoneonline

Il 50° anniversario d’attività dell’Istituto Maria Ausiliatrice, che si apre domenica 13 Ottobre, è un’occasione per le Figlie spirituali di san Giovanni Bosco di testimoniare la loro volontà di essere al servizio della comunità lecchese

suore imaDa sinistra: Giuseppe Allegro, suor Cristina Merli, suor Irma Fumagalli, suor Mariateresa Nazzari, Eva Bianchi e suor Mariangela De Bortoli

La pedagogia di don Bosco, “educare anche attraverso lo sport”, è ben presente nelle sue Figlie spirituali dell’Istituto Maria Ausiliatrice di Lecco, le quali, come prima iniziativa per celebrare mezzo secolo di presenza in città (in realtà una comunità salesiana opera fin dal 1943) a servizio del territorio, hanno organizzato una marcia non competitiva per domenica 13 Ottobre. Le religiose Irma Fumagalli, direttrice dell’Istituto, Cristina Merli, preside del Liceo, Mariateresa Nazzari, preside della scuola media, Mariangela De Bortoli, responsabile della scuola elementare e di quella dell’infanzia – coadiuvate da Daniele Bianchi, da sua figlia Eva e da Giuseppe Allegro, titolari della Bianchi R.P. Associati, l’agenzia di comunicazione che, a titolo onorifico, ha deciso di seguire la comunicazione dell’istituto – hanno steso il nutrito programma del 50° di attività ben sintetizzato nell’agile brochure

“Forza interiore per affrontare sfide globali. I cinquant’anni di carisma dell’Istituto Maria Ausiliatrice di Lecco”. Come suor Irma ha tenuto a precisare, il 50° anno di vita dell’Istituto (che coincide con quelli analoghi aperti, nello stesso anno, a Varese e a Cinisello Balsamo – Milano) «non vuole essere un’auto-celebrazione, bensì un momento di riflessione e di condivisione con la comunità lecchese dei valori educativi secondo lo stile salesiano». Eva Bianchi, coinvolta nella comunicazione dell’evento, ma anche come genitore (ha due figli iscritti all’Istituto), confida di provare «la gioia della preparazione percependo, tra i locali della sede di via Caldone 18, un’atmosfera casalinga semplice e serena».

Una conferma esplicita, la sua, dei valori poeticamente annunciati ne “Il sabato del villaggio”, di Leopardiana memoria, in cui lo spirito si rallegra più nell’attesa e nella preparazione della festa che non nel giorno della festa medesima. Di questo spirito si sentono pervasi i non pochi genitori che oggi prendono parte, insieme ai loro figli, alle manifestazioni del Cinquantesimo: va oltre la tenerezza materna o paterna sapere che il proprio figlio siede sugli stessi banchi, dentro le medesime aule, un tempo da noi stessi frequentate. C’è come una sottile linea in filigrana che lega tanti ex allievi salesiani tra di loro e tanti ex alunni che oggi accompagnano i propri figli nelle scuole animate dai Figli e dalle figlie spirituali di san Giovanni Bosco.

L’Istituto Maria Ausiliatrice, l’IMA, come più brevemente si fa chiamare a Lecco, è soprattutto un presidio di valori educativi ispirati al cristianesimo. Ecco perché nel calendario delle manifestazioni del Cinquantesimo (oltre alla camminata di domenica 13 Ottobre – alla quale si sono già iscritti oltre 600 persone – sono in programma appuntamenti, che Resegoneonline seguirà di volta in volta, il 23 Novembre prossimo, il 25 Gennaio, il 18 Febbraio, il 9 Aprile, il 24 e 25 Maggio 2014) riecheggeranno valori come amore, gioia, condivisione, opportunità, impegno, ragione, spiritualità, umiltà, determinazione, umanità, trasformazione, passione, rispetto, serenità, testimonianza, carisma.