Da Resegoneonline 13 gennaio 2014

Dal 7 al 13 gennaio i ragazzi dell’Istituto salesiano hanno avuto un primo approccio con il mondo del lavoro in diverse aziende di Lecco, tra cui la redazione di Resegoneonline

alessia adamoli michela butti

Anche quest’anno l’Istituto Maria Ausiliatrice di Lecco ha dato la possibilità ad alcuni studenti della scuola superiore di partecipare ad uno stage di una settimana in alcune aziende del territorio, che hanno dato la loro disponibilità al progetto, tra cui anche la redazione di Resegoneonline.

Tra gli studenti che non hanno ricevuto debiti formativi e che hanno richiesto la possibilità di fare un’esperienza sul campo, hanno lavorato all’interno del giornale come stagiste due ragazze di 5^ liceo linguistico, Alessia Adamoli e Michela Butti.

Durante il periodo di tempo trascorso in redazione, le due studentesse hanno potuto lavorare davvero come giornaliste, partecipando a conferenze stampa, intervistando le persone e utilizzando il materiale raccolto e gli strumenti a disposizione per la realizzazione di alcuni articoli che sono poi stati pubblicati sul giornale.

L’esperienza è stata importante e formativa sotto molti punti di vista, perché ha dato la possibilità ad Alessia e Michela di avvicinarsi al mondo del lavoro e di farsi un’idea generale e più concreta di ciò che le aspetta dopo gli studi. Inoltre hanno potuto conoscere meglio la professione del giornalista e la funzione dell’informazione nella società, argomenti che non fanno parte del loro percorso di scolastico, ma che sono risultati utili e interessanti.

“Questo progetto ci ha fatto aprire gli occhi su un mondo diverso da quello della scuola che viviamo ogni giorno – sottolineano Alessia e Michela – ed è stato particolarmente stimolante conoscere le varie professionalità che operano in questo ambito e il loro diverso modo di lavorare, che li porta ad avere opinioni diverse rispetto a un solo tema e a scrivere articoli in cui non emerge sempre e solo un punto di vista unico, ma varie idee differenti e originali.”