Questo è il 4° buongiorno d’avvento. Abbiamo preparato buongiorno bellissimo per te. Buona lettura!

Ci sono con lo stile … di Giuseppe!

buongiorno-10Giuseppe quando ha saputo che Maria era incinta ha avuto paura, si è smarrito, voleva ripudiarla in segreto, ma il Signore ha mandato il suo angelo ad annunciargli la verità sulla nascita di Gesù. Giuseppe si fida, crede alle parole dell’angelo e accoglie Maria e il bambino, accoglie anche lui la Parola che si fa carne. Non esita e non teme, si fida di Dio e accetta la sua volontà. Raccoglimento, silenzio, ascolto, senso di responsabilità, fedeltà, anche nell’incomprensione, sono i messaggi che Giuseppe di Nazareth attualizza qui e ora per noi, che per lo più preferiamo rifugiarci nei luoghi del frastuono assordante e degli incontri collettivi per sottrarci all’incontro con noi stessi e con Dio.

 

PRIMO GIORNO

Mentre Giuseppe stava considerando queste cose, ecco, gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati». (Mt. 1, 22-24)

Giuseppe, che ha il coraggio e la fede di prendere Maria come sua moglie e Gesù come suo figlio, è una figura grande nella storia della nostra fede, e un’immagine maschile molto bella. Lui è più simile a noi, che andiamo avanti passo per passo, cercando di fare del nostro meglio per seguire i suggerimenti delicati della volontà di Dio, e non attrae l’attenzione.

 

SECONDO GIORNO: L’AVVENTURA DI OGNI GIORNO

Signore,
il sole è sorto e mi metti in mano
un’esperienza nuova.
Sarà bella?
Sarà noiosa?
Sarà utile?
Non lo so ancora.
Però son certo
che molto dipende da me.
Questo fammelo capire…
perché spesso rischio
di aspettarmi tutto dagli altri;
tutto da te.
Fammi sentire responsabile
di quello che faccio.
Tu che hai creato l’uomo
senza chiedergli il permesso
ti sei però subito legato le mani
e non gli puoi fare niente se non lo vuole.
Signore,
aiutami a spalancare gli occhi
per vedere dove mi trovo e chi avrò vicino.
Signore,
aiutami a drizzare bene le orecchie
per raccogliere tutte le voci che la vita mi invia
e rispondere con coraggio e fantasia.

Ci mettiamo, come Giuseppe, in ascolto del Signore, dedicandogli un po’ tempo, attraverso la preghiera personale, decidendo di confessarmi, di partecipare al gruppo in oratorio, ecc,.

MI IMPEGNO NELL’ASCOLTO DELLA TUA PAROLA CHE PASSA ATTRAVERSO L’ASCOLTO DI CHI MI STA VICINO

 

TERZO GIORNO: UNA APP DELLA CARITAS CONTRO LO SPRECO ALIMENTARE

famezeroContro lo spreco del cibo, la Caritas Internazionale ha creato uno strumento di raccolta, aggregazione e condivisione tramite la App Famezero. L’iniziativa tenta di combattere lo spreco che il Programma Alimentare Mondiale ha stimato in Europa pari ad almeno 650 mila tonnellate di cibo. A partire dall’8 dicembre prossimo, tutti potranno partecipare alla raccolta, entrando così a far parte di una rete telematica di volontariato.

Il meccanismo di raccolta. Gli utenti dovranno scaricare l’app, disponibile in diverse lingue su GooglePlay o Apple Store (iOS), oppure registrarsi sul sito web.

Gli Angeli saranno i volontari, accuratamente selezionati, che si occuperanno di ritirare il materiale da coloro (persone fisiche, ristoranti, negozi e locali) che intendono donare. Anche i donatori dovranno essere registrati alla piattaforma, anche tramite social network, e potranno far partire un annuncio di donazione di cibo. L’angelo di zona riceverà in automatico sul suo profilo l’elenco degli annunci che lo riguardano, in base alla localizzazione territoriale, e potrà gestirli in totale autonomia. L’angelo dovrà poi consegnare il cibo ai centri di raccolta locali (centri Caritas, parrocchie ed associazioni), che sono abilitati e dotati di account specifico. Attraverso un coordinamento dei centri potranno così organizzare i flussi e stornare il cibo donato a favore dei bisognosi nella loro zona. Una notifica di avvenuta consegna del cibo verrà inviata via email. Gli annunci saranno resi pubblici e tutti potranno conoscere le diverse donazioni. In ogni caso, gli angeli e i donatori potranno chiedere di rimanere anonimi.

L’iniziativa Famezero rappresenta uno strumento di cittadinanza attiva e solidale, il cui successo dipende da tutti.

Riccardo Fanales

 

QUARTO GIORNO: ONE DIRECTION DON’T FORGET WHERE YOU BELONG (2013)

http://youtu.be/4LXzCtPQVVA

Been a lot of places
I’ve been all around the world
seen a lot of faces
never knowing where I was.
On the horizon
But I know, I know, I know, I know…

Don’t forget where you belong, oh
Don’t forget where you belong, oh
If you ever feel alone, don’t…

Gli One Direction, ci regalano un testo capace di farci viaggiare nel profondo dei nostri pensieri e dei nostri desideri. Il giro del mondo, percorrendo grandi orizzonti non ci toglie però il desiderio di tornare “a casa”, per conoscersi sempre di più e ritrovare Chi non ci lascia mai soli. La canzone spiega bene questo pensiero quando dice che “il sole sorgerà a casa”. Il viaggio dentro di noi ci insegna a fare silenzio per ascoltare sempre di più quello che ha da dirci il Signore, Colui cioè che stiamo cercando. “Non dimenticarti di quale mondo fai parte” è il forte invito che i cinque simpatici ragazzi inglesi ci fanno nel ritornello. Non siamo soli, siamo protagonisti della nostra vita e della nostra storia che ogni giorno dobbiamo imparare a guardare e a scoprire con lo stesso stupore di Giuseppe.