abito, abitudini, abusi, accettazione, affari, affetto, affezioni, agiatezza, allegria, ambizione, amici, amicizia, ammalati, amor di Dio, amor proprio, amore, amorevolezza, angelo custode, anima, antipatie, apostolato, artigiani, aspiranti, assistenti, assistenza, auguri crisitani, ausiliatrice, autorità, avvisi, azioni

ABITO

  • Non é l’abito che onora il tuo stato, é la pratica della virtù. (Mamma Margherita) I,373.
  • L’abito più pregevole per un religioso è la santità, congiunta con un edificante contegno, in tutte le nostre operazioni. X,666.
  • Il vestire l’abito chiericale di per sé rappresenta la rinuncia al mondo e ai suoi allettamenti. XII,560.

ABITUDINI

  • Le abitudini formate in gioventù, per lo più durano tutta la vita: se sono buone ci conducano alla virtù e ci danno morale certezza di salvarci. Al contrario guai a noi se ne prendiamo delle cattive. III,607.
  • Fuggite ogni abitudine anche la più indifferente: dobbiamo abituarci a fare del bene e non altro: il nostro corpo è insaziabile: più gliene diamo, più ne domanda, meno gliene si dà meno egli domanda. IV,590.
  • L’esperienza ha fatto conoscere che ordinariamente la gioventù prima dei dodici anno non è capace di fare né gran bene, neppure gran male, e passati i 18 anni riesce assai difficile il far deporre abitudini altrove formate per uniformarsi ad un nuovo regolamento di vita. IV,736; IX,855.
  • Le abitudini cattive si possono vincere da chi si mette alla prova con buona volontà. VII,190.
  • Causa precipua di tante dannazioni: i compagni e i libri cattivi e le perverse abitudini. IX,172.
  • A tutti si raccomanda caldamente dal guardarsi attentamente dal contrarre abitudini di qualsiasi genere, anche di cose indifferenti. X,666.
  • Bisogna che stiamo fermi a non tollerare quelle abitudini che siano contrarie alle nostre Regole e tradizioni. XII,392.
  • Intendo di raccomandarvi queste sere che vi tenute lontani da ogni abitudine, intendo parlare di ogni abitudine cattiva o indifferente, ma in qualche modo dannosa. XII,447.
  • Non creiamoci necessità. XII,447.
  • Quanto è difficile sradicare un vizio, che abbia messo radici in gioventù. XII,585.
  • Quando un mal abito è inveterato, solo per miracolo uno si converte. XIII,273.
  • (Sull’andar a riposo nel letto dopo pranzo disse Don Bosco): Per me la ritengo una delle cose più pericolose per la moralità, e sono del parere che il tenere quest’abitudine, e conservare bene la moralità sia cosa difficilissima. XIII,279
  • A proposito di abitudini buone (segno della croce in cortile) raccomanda di non introdurre di quelle che agli occhi dei cattivi potessero aver l’aria di pratiche superstizione. XIII,284.
  • (Strenne) tener lontane le abitudini anche indifferenti, in cose non necessarie. XIV,383.
  • Quando l’abitudine è buona e ci porta al bene, dobbiamo seguirla e praticarla. XV,605.

ABUSI

  • Certe omissioni con l’andare del tempo diventano un diritto, che può produrre spiacevoli conseguenze. XII,399.
  • Si tolga l’abitudine delle merende e colazioni particolari…Quando è stabilita qualche cosa sia uguale per tutti, senza eccezione XV,460.

ACCETTAZIONE

  • L’esperienza ha fatto conoscere che ordinariamente la gioventù prima.
  • dodici anni non è capace di fare né gran bene, neppure gran male, e passati i diciotto anni riesce assai difficile il fare deporre abitudini altrove formate per uniformarsi ad un nuovo regolamento di vita. IV,736; IX,855.
  • L’esperienza ha fatto conoscere essere della massima importanza il conoscere alquanto l’indole dei giovani prima di riceverli. IV,736.
  • Non è conveniente che viva di carità chi non è in assoluto bisogno. IV,736.
  • Non è giusto che mangi il pane del povero chi tale non è. V,191.
  • Per mancanza di mezzi non si cessi mai di ricevere un giovane che dà buone speranze di vocazione. V,397.
  • Non è giusto che viva della carità altrui chi può vivere del suo. V,754; IX,855.
  • Aspiranti al Noviziato non si debbono accettare se non diedero segno di una moralità a tutta prova, o se non si lasciarono conoscere abbastanza bene e non ebbero confidenza grande nei superiori. XI,269.
  • Pare che le difficoltà debbano piuttosto essere quando uno si ascrive, che quando si fa professione religiosa. XII,387.
  • Bisognerebbe andare più rigorosi nell’accettare chierici o preti nella Congregazione; ma vi sono due cose da osservare. La prima è che conviene seguire la tattica di San Paolo: provare tutti e tenere solamente i buoni: perciò si usi larghezza nell’accettare. In secondo luogo non si accettino questi individui senza chiedere sicure informazioni a chi di ragione. XIII,811.
  • Non si accettino mai in prova coloro che prima non hanno fatto buona riuscita. XVII,187,367.
  • Siano severamente allontanati quelli che dicessero o insinuassero o facessero cose biasimevoli contro la moralità. Non si tema di usare in ciò troppo rigore. XVII,191.
  • Si usi grande attenzione di non mai accettare tra i soci, tanto meno per lo stato ecclesiastico se non vi è morale certezza che sia conservata l’angelica virtù. XVII,262.
  • Una norma per l’accettazione (dei Figli di Maria): bisogna porre per principio che la pensione non costa nulla, quando si hanno buone informazioni. Si prenda quello che si può. XVII,346.
  • Di regola ordinaria non si deve mai transigere con la moralità. Qualora la moralità sia dubbia, è meglio non accettare che introdurre in casa un individuo indubbiamente immorale. XVII,367.
  • Per costoro (che hanno vocazione) le porte delle nostre case saranno sempre aperte. XVII,659.
  • Trattandosi di giovani che vogliono entrare come ascritti nella Congregazione Salesiana, e specialmente se come chierici, si venga a parlare in tutta confidenza della moralità. XVII,659
  • Nelle accettazioni stiamo bene attenti a non lasciarci ingannare da benevolenze o da malevolenze; non sia norma per accettare o rifiutare qualcuno l’inclinazione personale del votante. XVII,659,660.
  • (D. Barberis): Quelli di molte virtù, sebbene di poca scienza , ci attirano le benedizioni del Signore. Sm.477,n.82.

AFFARI

  • Non c’è vantaggio materiale che compensi un solo danno morale. V,556.
  • Nelle cose di grave importanza, il dire che si va avanti alla buona, è quanto dire che si va avanti male. XIV,114,115.
  • Quando le cose non vanno bene, non bisogna cambiarle, sotto pretesto di migliorarle. VIII,226.
  • Tutti gli altri affari sono secondari dimenticando le cose eterne. XII,493.
  • Raccomanda a tutti di evitare la costruzione o l’acquisto di stabili che non siano strettamente necessari al nostro uso. Non mai cose da rivendersi; non campi o terreni o abitazioni da farne guadagno pecuniario XVII,626,7.
  • Procura di vedere gli affari tuoi, con gli occhi tuoi. XVII,630.
  • Ciò che ha anche solamente ombra di commercio fu sempre fatale agli Ordini Religiosi. XVIII,269.
  • Se vogliamo far prosperare i nostri interessi spirituali e materiali, procuriamo anzitutto di far prosperare gli interessi di Dio; e promuoviamo il bene spirituale e morale del nostro prossimo col mezzo dell’elemosina. XVIII,509.

AFFETTO

  • Miei cari giovani, io vi amo tutti di cuore, e mi basta sapere che voi siete ancora in tenera età perché io vi ami assai. III,11.
  • Tutto io darei per guadagnare il cuore dei giovani e così poterli regalare al Signore. VII,250
  • Chi non va alla Comunione col cuore vuoto di affetti mondani e non si getta generosamente nelle braccia di Gesù, non produce i frutti, che si sa teologicamente essere effetto della Santa Comunione. XI,278.
  • Miei carissimi figlioli in Gesù Cristo, vicino e lontano io penso sempre a voi. Uno solo è il mio desiderio, quello di vedervi felici nel tempo e nell’eternità. XVII,107.
  • La familiarità porta affetto e l’affetto porta confidenza. XVII,108.
  • Senza familiarità non si dimostra l’affetto. XVII,108.
  • Le mormorazioni raffreddano i cuori, XVII,113.
  • Ho promesso a Dio che fin l’ultimo mio respiro sarebbe stato per i miei poveri giovani, XVIII,258.

AFFEZIONI

  • Le spine per terra rappresentano le affezioni sensibili, le simpatie o antipatie umane che distraggono l’educatore dal vero fine, lo feriscono, lo arrestano nella sua missione, gli impediscono di procedere e raccogliere corone per la vita eterna. III,35.
  • Senza affezioni è inutile il ministero dell’educatore. V,544.
  • Camminate coi piedi per terra e col cuore abitate in cielo. VIII,752.
  • Scacciate via dal vostro cuore il peccato e le affezioni al peccato e allora possederete abbastanza di scienza per salvarvi l’anima. VIII,830.
  • L’affetto alla terra diminuisce e, sovente, estingue il desiderio delle cose celesti. IX,996.
  • Ai carissimi artigiani….la mia affezione è fondata sul desiderio che ho di salvare le vostre anime. IX,769.
  • (per non perdere la vocazione) non essere mondani e amanti delle affezioni sensibili e di casa. XII,563.
  • Certe affezioni geniali recano del danno, non fosse altro perché sono contro l’obbedienza: perciò solo non si possono dire buone. La disobbedienza poi priva della grazia speciale di Dio. XIII,800.

AGIATEZZA

  • Contentiamoci di poco, lasciamo il bello ed il comodo, e saremo più ben visti ed aiutati dalla Divina Provvidenza IV,473.
  • L’abbondanza dei beni temporali fu sempre la causa delle perdite di intere comunità. VI,328.
  • Chi vive nell’abbondanza si dimentica facilmente del Signore. VI,329
  • Quando cominceranno tra noi le comodità e le agiatezze la nostra Pia Società ha compiuto il suo corso. X,653; XVII,272.
  • Io vedo una tendenza così accentuata all’agiatezza che mi spaventa. XII,383.
  • (Sogno): quelli che cercano le proprie comodità, gli agi…non cercano il bene della Congregazione. Allontana questo flagello e vedrai prosperare la Congregazione. XII,468.
  • Per il nostro corpo non cercare agiatezze. XII,470.
  • È difficile trovare leviti nelle agiatezze; perciò si cerchino con massima sollecitudine tra la zappa e tra il martello. XIII,488.
  • Invitato a servirsi di carrozza rispondeva che i poveri non vanno in carrozza. XVII,258.
  • Dal momento che comincerà ad apparire agiatezza nella persona, nelle camere, nelle cose, comincia nel tempo stesso la decadenza della nostra Congregazione. XVII,258.
  • Vegliate e fate che né l’amor del mondo, né l’affetto ai parenti, né il desiderio di una vita più agiata vi muovano al grande sproposito di profanare i sacri voti e così tradire la professione religiosa con cui ci siamo consacrati al Signore. XVII,258.
  • Guai a noi se coloro dai quali attendiamo carità potranno dire che teniamo vita più agiata della vita loro. XVII,271.
  • Dirigere le nostre sollecitudini ai fanciulli più poveri, più pericolanti della società: questa è per noi la vera agiatezza che nessuno verrà a rapirci. XVII,272.
  • (Don Berto). Si faccia notare a tutti che abbiamo fatto voto di povertà, perciò non dobbiamo cercare, nemmeno desiderare agiatezze in cosa alcuna. Sm. 680, n.31.

ALLEGRIA

  • Stiamo sempre allegri e passerà presto il tempo. I,374.
  • Io non voglio altro dai giovani se non che si facciano buoni e che siano sempre allegri. II,566.
  • Vivete pure nella massima allegria, purché non facciate peccato.. III,603.
  • Cari giovani, vogliamo essere allegri e contenti? Amiamo con tutto il cuore Gesù in Sacramento.
  • Noi qui facciamo consistere la santità nello stare molto allegri. V,356.
  • “Servite Domino il laetitia”, era il suo motto intercalare fra i suoi più diletti, e questa “santa allegria” formava per lui la base del suo edificio sociale per la sicura educazione delle gioventù. VI,4.
  • Io desidero vedere i miei giovani, diceva, a correre e saltare allegramente nella ricreazione, perché così sono sicuri del fatto mio. VI,4.
  • A Dio non piacciono le cose fatte per forza. VI,15.
  • Sta allegro, ma la tua allegria sia verace, come quella di una coscienza monda dal peccato. VI,697.
  • Allegria, studio, pietà: questo è il grande programma, il quale praticato tu potrai vivere felice, e fare molto bene all’anima tua. VII,494.
  • Se vuoi farti buono, pratica tre cose sole e tutto andrà bene. Quali sono queste tre cose? Eccole: Allegria, studio, pietà. VII,494.
  • Adesso sono contento perché ti vedo allegro. IX,627
  • Uomo allegro il cielo l’aiuta. IX,819.
  • Ridere e scherzare sì, ma con moderazione e senza chiasso. X,616.
  • Il demonio ha paura della gente allegra. X,648.
  • Allegria, preghiera e santa comunione sono i nostri sostegni. X,1178
  • Se volete che la vostra vita sia “allegra” e tranquilla, dovete procurare di starvene “in grazia di Dio”. XII,133
  • Quelle cose che rallegrino e sollevano il corpo devono avere tutte per fine di renderlo più facilmente sottomesso allo spirito, perché possa servire meglio alla gloria del Signore. XII,143
  • In carnevale questa sarà la vera allegria: cioè avrà la coscienza pura. XIII,88
  • Io vi raccomando che procuriate di fuggire e di impedire le mormorazioni; cioè che vi dimostriate sempre contenti delle cose come sono disposte. Questo giova grandemente all’allegria. XIII,91.
  • Per fare del bene alle ragazze bisogna essere sempre allegre. XIII,207,213.
  • Vogliamo essere sempre allegri? Siamo obbedienti. XIII,210
  • Nel comunicarsi pensare alla propria vocazione, ecco il modo di procurarsi allegrezza per tutta la vita. XIV,52.
  • (Ai giovani) fece scrivere che augurava loro che l’alleluia fosse con i fatti e con la parole il cantico di questa vita mortale. XVII,76.
  • (sogno) “Come si possono rianimare questi miei cari ragazzi acciocché riprendano l’antica vivacità, allegria, espansione…? Colla carità…i giovani non solo siano amati, ma essi stessi conoscano di essere amati. XVII,109, 110.
  • L’obbedienza guidi l’allievo come la madre guida il fanciullino, allora regnerà nell’Oratorio la pace e l’allegria antica. XVII,111.
  • Voglio che tutti servano volentieri al Signore con “santa allegria”, anche in mezzo alle difficoltà e ai disturbi diabolici. XVII,632
  • Siate molto devoti di Maria SS.ma, pregate e state allegri, ma molto allegri. XVIII,19.

AMBIZIONE

  • Le lodi degli uomini non valgono a niente altro fuorché a farvi ambiziosi e superbi. I,72.
  • Siamo ambiziosi, ma di salvare anime con i nostri sacrifici. IX,354.
  • Procurate la nettezza e la decenza degli abiti, del letto e delle camere, ma farsi un grande studio per evitare la ricercatezza. X,666.

AMICI

  • Tutti i perseguitati sono i miei più cari amici. II,72.
  • I giovani dovrebbero scegliersi per amici soltanto quelli che vedono amanti della virtù. II,394.
  • Non tenere per amici chi soverchiamente ti loda. III,617.
  • Studia sempre di diminuire il numero dei nemici, accrescere quello degli amici e fare tutti amici di Gesù Cristo. V,512.
  • Assuefatevi a saper frenare voi stessi che è questo il modo di avere molti amici e nessun nemico. VI,102.
  • Essere amici di Don Bosco vuol dire che tu mi devi aiutare nel salvare la tua anima. VI,384.
  • Noi dobbiamo cercare di accrescere il numero degli amici nostri e diminuire quello dei nemici, dovendo noi fare del bene a tutti. VI,890.
  • Gli amici e i compagni sceglieteli sempre tra i buoni ben conosciuti, e tra questi i migliori, e anche nei migliori imitate il buono e schivate i difetti, perché tutti ne abbiamo. VII,292.
  • Fa che tutti quelli a cui parli, diventino tuoi amici. X,1183.
  • Gesù Sacramentato è e deve essere l’unico ed il vero vostro amico. XI,522.
  • I parenti e gli amici sono quelli dai quali ci dobbiamo maggiormente guardare in fatto di vocazione. Molte volte coi loro consigli mettono innanzi le più grandi difficoltà a chi vuol darsi tutto a Dio. XII,561.
  • Tutti coloro che con Don Bosco si adoperano per salvare le proprie anime: questi sono, e non altri i veri amici di Don Bosco XII,576.
  • Ricordatevi che sarà per voi sempre una bella giornata, quando vi riesce vincere coi benefizi un nemico o farvi un amico XVII,27.

AMICIZIA

  • Non coltivate l’amicizia di coloro che parlano male dei vostri Superiori, o che cercano di allontanarvi dai vostri doveri. III,167.
  • Anche tra voi medesimi confratelli, mai amicizie tenere… Diciamo francamente; la rovina di Congregazioni religiose addette all’istruzione della gioventù deve attribuirsi a ciò. XI,583.
  • Guardatevi bene dalle relazioni, amicizie, conversazioni geniali o particolari. XII,26.
  • Un’altra cosa che non è punto di vantaggio alla c castità si è l’amicizia: non la vera, fraterna, ma quella amicizia particolare che il cuore nostro nutre più per uno che per un altro. XII,21.
  • Gli esercizi spirituali sono il gran mezzo per rompere certe relazioni o amicizie malsane. XII,55.
  • Tra di voi….mai e poi mai vi siano di quelle amicizie che purtroppo si fanno per darsi scandalo a vicenda, per fare discorsi cattivi, per essere assassini dell’anima uno dell’altro. XII,575.
  • Mezzi per non cadere (contro la moralità) siano la fuga siano la fuga dell’ozio ed evitare le amicizie particolari. Sia pure un superiore, sia pure attempato: non c’è né età né santità passata che valga contro le insidie di questo nemico. Anzi quanto più l’età è avanzata, tanto più è raffinata la malizia. XIII,85.
  • Nell’amicizia l’esperienza e non il cuore deve ammaestrarci. XIII,800.
  • Certe amicizie particolari e certe affezioni geniali recano danno non fosse altro perché sono contro l’obbedienza: per ciò solo non si possono dir buone. La disobbedienza poi priva della grazia speciale di Dio. XIII,800.
  • I maestri, i capi d’arte, gli assistenti studino di evitare come la peste ogni sorta di affezione o amicizie particolari con gli allievi, e ricordino che il traviamento di uno solo può compromettere un Istituto educativo. XIII,920.
  • 11. (Don Barberis). Non contraete mai amicizie particolari coi giovani: carità e buone maniere con tutti, ma non mai attaccamento speciale con alcuno. Sm.714 n.183.

AMMALATI (Vedi INFERMI)

  • Si faccia economia in tutto, ma si faccia in modo che con gli ammalati nulla manchi. X,1046.
  • Raccomando ai Direttori che non lascino mancare nulla agli ammalati. XI,169.
  • Prendete cura speciale degli ammalati, dei fanciulli, dei vecchi e dei poveri, e guadagnerete la benedizione di Dio e la benevolenza degli uomini. XI,389.
  • Si usino agli ammalati i dovuti riguardi, ma non si dimentichi mai che abbiamo fatto il voto di povertà e che perciò dobbiamo vivere da poveri. XV,460.
  • Non si dimentichi mai che siamo poveri e nessuno pretenda riguardi superiori alla condizione di una persona che sia consacrata a Dio col voto di povertà. XVII,265.
  • Quanto alle penitenze corporali… alle persone malaticce basta sopportare tranquillamente, per amor di Dio i propri incomodi e conformarsi al parere del medico e dei parenti, in spirito di obbedienza. XVII,394.

AMOR DI DIO

  • Quando si tratta di servire sì buon Padre come Dio, bisogna essere pronti a tutto sacrificare. II,535.
  • Iddio merita di essere amato, perché ci ha creati, ci ha redenti e ci ha fatto e ci fa innumerevoli benefici e tiene preparato un premio eterno a chi osserva la sua legge. III,607.
  • Soffri volentieri qualche cosa per quel Dio, che tanto sofferse per te. VI,442.
  • Non tutti possono digiunare, intraprendere lunghi viaggi per la gloria di Dio, non tutti fare ricche elemosine, ma tutti possono amare Dio; basta volerlo. V,566.
  • Per S.Giovanni Bosco il “Diliges Dominum Deus tuus” e il “Diliges proximum” si traducono nella formula: Lavorare per la gloria di Dio e per il bene delle anime. (Pio XI) XIX,282.

AMOR  PROPRIO

  • Perchè la vostra parola abbia prestigio e ottenga l’effetto voluto, bisogna che ciascun superiore in ogni circostanza distrugga il proprio io. VI,389.
  • La mancanza di umiltà è sempre a danno dell’unità di un collegio, per amor proprio di un superiore, andrà in rovina. VI,389.
  • Non è buon membro della Società quello che non è disposto a sacrificare se stesso per salvare il corpo. IX,574.
  • Il bene generale sia sempre preferito al bene particolare. Non dobbiamo tener conto del nostro amor proprio e non considerare se le persone siano ben viste o mal viste da noi. Non seguire idee preconcette, non antigeni. Il nostro bene particolare non deve entrare nel bene generale. XVII,660.

AMORE

  • Amore per tutti, per condurre tutti al Signore. II,525.
  • Per questi giovani (orfani, abbandonati), farò qualunque sacrificio: anche il mio sangue darei volentieri per salvarli. IV,335.
  • A Dio non piacciono le cose fatte per forza. Egli , essendo Dio d’amore vuole che tutto si faccia per amore. VI,15.
  • Ama i tuoi doveri se desideri di bene adempierli. III,617.
  • Amore a Don Bosco…: sa in che modo amerà Don Bosco? …Amando molto i salesiani! E per amare i Salesiani, bisogna amare molto le anime! X,7.
  • Volevo dirvi che tutti vi vogliate bene tra di voi, che vi amiate per farvi del bene a vicenda, per darvi buon esempio, per darvi buoni consigli. XII,575.
  • Il vincolo che tiene unite le Società, le Congregazioni è l’amore fraterno. Io credo di poterlo chiamare il perno su cui si aggirano le Congregazioni ecclesiastiche. XII,630.
  • L’amore fraterno per essere come si richiede, deve essere tale che il bene di uno sia bene di tutti ed il male di uno sia male di tutti. XII,630.
  • Quanto è mai bello l’amore congiunto alla carità. XIII,149.
  • I giovani….si prestano docili a tutto ciò…che vuol comandare colui dal quale sono certi di essere amati. XVII,108.
  • I giovani non solo siano amati, ma essi stessi conoscano di essere amati. XVII,110.
  • Essendo amati in quelle cose che loro piacciono, col partecipare alle loro inclinazioni infantili, imparano a veder l’amore in quelle cose che naturalmente loro piacciono poco, quali sono la disciplina, lo studio, la mortificazione di se stessi, e queste cose imparino a far con slancio ed amore. XVII,111.
  • Chi vuol essere amato bisogna che faccia vedere che ama. XVII,111.
  • Chi sa di essere amato, ama, e chi è amato ottiene tutto, specialmente dai giovani. XVII,111.
  • L’amore fa sopportare ai Superiori le fatiche, le noie, le ingratitudini, i disturbi, le mancanze, le negligenze dei giovanetti. XVII,111.
  • Se ci sarà questo vero amore non si cercherà altro che la gloria di Dio. XVII,111.

AMOREVOLEZZA

  • Per fare del bene bisogna aver un po’ di coraggio, essere pronti a soffrire qualunque mortificazione, non mortificare mai nessuno, essere sempre amorevole. III,52.
  • Colui il quale è umile e amorevole sarà sempre amato da tutti, da Dio e dagli uomini. IV,102.
  • Si vis amari, esto amabilis. X,1022.
  • Studia di farti amare, prima di farti temere. X,1041.
  • La bontà di tratto e l’amorevolezza coi giovani sia il carattere di tutti i Superiori. XII,88
  • Anche quelli della casa difficilmente gli passavano vicino, senza sentire qualche parola amorevole. XII,149.
  • Se vuoi essere obbedito e rispettato, fatti voler bene. Ma non carezze, massime sulla faccia o prendendo per le mani. XIII,826.
  • Le malattie dell’anima meritano di essere trattate almeno come quelle del corpo. XVI,441.

ANGELO CUSTODE

  • Ricordati che hai un Angelo per compagno, custode ed amico. Se vuoi piacere a Gesù ed a Maria custodi obbedisci alle ispirazioni del tuo Angelo Custode.
  • Invoca il tuo Angelo nelle tentazioni. Esso ha più desiderio di aiutarti che tu stesso di essere aiutato da lui.
  • Fatti coraggio e prega: anche il tuo Angelo prega per te e sarai esaudito.
  • Non ascoltare il demonio e non temerlo; esso trema e fugge al cospetto del tuo Angelo custode
  • Prega il tuo Angelo custode che ti venga a consolare ed assistere in punto di morte. II,264.
  • Se vi troverete in qualche pericolo di anima e di corpo invocatelo ed io vi assicuro che esso vi assisterà e vi libererà. II,265.

ANIMA

  • Colui che abbraccia lo stato ecclesiastico si vende al Signore e di quanto vi ha nel mondo nulla più deve stargli a cuore, se non quello che può tornare di maggior gloria di Dio ed a vantaggio delle anime. I,187
  • La maggior cosa che si possa fare al mondo è quella di trarre le anime perdute sulla buona strada, alla virtù, a Dio. I,442
  • Cerca col buon esempio e colla parola si salvare anime anche in quello stato che il Signore ti destina. I,475.
  • Patire, fare, umiliarsi in tutto e sempre, quando trattasi di salvare anime. I,518.
  • Un prete è sempre prete, e tale deve manifestarsi in ogni sua parola. Ora essere prete vuol dire avere per obbligo, continuamente di mira il grande interesse di Dio, cioè la salute delle anime. III,74-75
  • Un sacerdote non deve mai permettere che chiunque si avvicini a lui ne parta senza aver udita una parola che manifesti il desiderio della salute eterna della sua anima. III,75.
  • Se ella è così malcontenta e arrabbiata, è perché non pensa guari alla salute dell’anima. III,78.
  • Figlio, hai un’anima sola; pensa a salvarla. III,608.
  • Aiutami a salvare molte anime, e prima la tua. III,620.
  • Un’anima sola: se la perdo, di me che sarà? IV,55.
  • Hai un’anima sola, salvata, tutto è salvato: perduta, tutto è perduto per sempre. IV,570.
  • Aiutatemi a salvare molte anime. Il demonio lavora senza tregua per riuscire a perderle, e noi lavoriamo senza posa a preservarle. V,634.
  • Quando si tratta di salvare un’anima non temo alcuna conseguenza. V,661.
  • Se perdi l’anima tutto è perduto, se salvi l’anima tutto è salvo in eterno. V,706.
  • Voglio che ci aiutiamo a vicenda a salvare l’anima, VI,442.
  • Quanto fai, parli e pensi, procura che sia tutto in vantaggio dell’anima tua. VI,442.
  • Quando sappia che il demonio cesserà dall’insidiare le anime, io pure cesserò dal cercare nuovi mezzi per salvarle dai suoi inganni e dalle sue insidie. VI,603.
  • Noi abbiamo per massima che sempre, quando una cosa volge a bene delle anime, egli è certo che viene da Dio, e non può venire dal demonio. VI,849.
  • Tutto passa e può passare quando si tratta delle anime. VII,20.
  • Siate prudenti: ma non dimentichiamo che la nostra prudenza deve consistere nel mettere sempre nel mettere sempre in salvo la fede, la coscienza, l’anima nostra. VII,32.
  • Anche costoro (i difettosi) hanno un’anima che dobbiamo ad ogni costo salvare. VII,404.
  • Abbiamo un’anima sola. Se ne avessimo due potremmo una darla al demonio col contentare le passioni, Ma ne abbiamo una sola. VII,506.
  • Il programma di questa casa sta scritto nella mia camera: “Da mihi animas, coetera tolle”. Io non chiedo che le vostre anime, non desidero che il vostro bene spirituale. VII,585.
  • Io vorrei che domani ciascheduno si fermasse un momento a fare questa riflessione. Che cosa ho fatto per il passato per l’anima mia? Come sto al presente al cospetto del Signore? Se muoio dove andrò? che cosa voglio fare per l’avvenire? VII,675.
  • I tuoi sforzi siano diretti a conservare l’unione di volere tra i superiori, perché vogliamo tutti una cosa sola: salvare molte anime, tra esse l’anima propria. VII,438.
  • Nel lavorare per le anime vale tanto un’oncia di pietà, quanto cento miriagrammi di scienza. VIII,438.
  • Siamo ambiziosi, ma di salvare anime coi nostri sacrifici. IX,3,54.
  • Salvare anime: questo solo deve essere il nostro guadagno. XI,517.
  • Assassini dell’anima sono coloro che vanno insieme per fare del male. XII,575.
  • Tutti coloro che con Don Bosco si adoperano per salvare la propria anima, questi sono e non altri i veri amici di Don Bosco. XII,576.
  • La messe da farsi consiste nella salvezza delle anime. XII,625.
  • (Don Tarroni scrisse): stamani Don Bosco mi ha detto che non avrebbe difficoltà a levarsi il cappello al diavolo, purché lo lasciasse passare per andare a salvare un’anima, XIII,415.
  • Da parte mia non risparmierò niente per tentare di guadagnare qualche anima al Signore. XIII,659.
  • Le anime sono un tesoro affidate ai sacerdoti. IX,217.
  • La mia affezione è fondata sul desiderio che ho di salvare le vostre anime. X,679.
  • I guadagni del prete vogliono essere le anime e nulla più. XI,240,517; XII,430,625.
  • È una vera festa per Don Bosco il poter prendere cura delle anime dei suoi giovani. XIII,422.
  • Prima carità è quella usata all’anima propria. XVI,316.
  • Voi farete la cosa più cara al mondo se mi aiuterete a salvare la vostra anima. XVII,16.
  • Noi vogliamo anime e non altro. Ciò procuro di far risuonare all’orecchio dei nostri confratelli. O Signore, date pure croci, spine e persecuzioni di ogni genere, purché possiamo salvare anime, e fra le altre salvare la nostra. XVII,617.
  • Se mi volete parlare dell’anima, venite e troverete sempre Don Bosco pronto ad ascoltarvi. XVIII,177.
  • Chi lavora per salvare le anime salva la sua propria. XVIII,470.
  • Chi salva l’anima salva tutto; chi perde l’anima perde tutto. XVII,482.
  • Chi fa elemosina per salvare anime sarà ricompensato con molta sanità e lunga vita, XVIII,470.
  • (Pio XI) Per S. Giovanni Bosco il “Diliges Dominum Deum tuum” e il “diliges proximum” si tradussero nella formula: Lavorare per la gloria di Dio e per il bene della anime. XIX,282.
  • (D. Cagliero) : Oh! quante anime salverà Maria Ausiliatrice per mezzo dei salesiani. Sm. 527 n.49.

ANTIPATIE

  • Le spine per terra rappresentano le affezioni sensibili, le simpatie o antipatie umane che distraggono l’educatore dal vero fine, lo feriscono, lo arrestano nella sua missione gli impediscono di procedere e raccogliere corone per la vita eterna. III,187.
  • Schivava di cagionare le antipatie le quali in vita e anche in morte fanno talora respingere un Sacerdote. III,187.
  • Il bene generale sia sempre preferito al bene particolare. Non seguire idee preconcette, non antigeni. Il nostro bene particolare non deve entrare nel bene generale. XVII,660 .

APOSTOLATO

  • Cerca col buon esempio e con la parola di salvare anime anche in quello stato che il Signore ti destina. I,475.
  • Aiutami a salvare molte anime e prima la tua. III,620.
  • Quando noi non potessimo fare il catechismo ai poveri giovanetti, conduciamoli ove altri li istruiranno. IV,300.
  • Iddio dà molte benedizioni a chi si occupa a pro dei fanciulli ed è grande consolazione il salvarsi in compagnia di altri salvati da noi, mentre è poltroneria volersi salvare da soli. V,909.
  • Io non guardo a nessun prezzo, io guardo solo che si diffondano buoni libri. VII,687.
  • Nel lavorare per le anime vale tanto un’oncia di pietà, quanto cento miriagrammi di scienza. VIII,438.
  • È Dio che vuol fare e noi dobbiamo pregarlo che abbia la bontà di servirsi di noi. X,1080.
  • Una volta poteva bastare l’unirsi insieme nella preghiera; ma oggi che sono tanti i mezzi di pervertimento, soprattutto a danno della gioventù di ambo i sessi, è mestieri unirsi nel campo dell’azione e operare. XI,74.
  • Operai che lavorano nella vigna del Signore s’intendono tutti coloro che in qualche modo concorrono alla salvezza delle anime. XII,625.
  • Per fare del bene alle ragazze, bisogna essere sempre allegre; bisogna amarle e stimarle tutte, anche se l’una o l’altra non lo merita. XIII,207.
  • Che vale rimpiangere tanti mali?  È meglio che ci adoperiamo con tutte le forze ad alleviarli. XIV,116.
  • Oggi oltre al pregare, che non deve mancare mai, bisogna operare, intensamente operare; se non si corre alla rovina. XIV,541.
  • Ci vuole lavorare con frutto deve tenere la carità nel cuore, e praticare la pazienza con l’opera. XVI,32
  • Tutto il bene che gli altri faranno per causa nostra, accrescerà lo splendore della nostra gloria in Paradiso. XVII,491.
  • Quando si tratta di qualche cosa che riguarda la grande causa del bene, Don Bosco vuol essere sempre all’avanguardia del progresso. XIX,157,320.
  • (Pio XI°)  È con la preghiera e il sacrificio che si prepara l’azione. XIX,220.

ARTIGIANI

  • Se uno studente che non ha vocazione, si mette fra gli artigiani, ne fa strage a dritta e a sinistra, perché costoro sono individui della peggiore specie. XVII,193; XVIII,700.
  • Il lavoro agli artigiani lo danno gli studenti. XVII,570.
  • (sogno) E voi, artigiani, siate artefici di opere buone e non d’iniquità. I cattivi discorsi sono una peste che serpeggia in mezzo a voi. XVIII,254.
  • (Norme: Degli Artigiani) Indirizzo religioso – morale, intellettuale, professionale XVIII,700.2

ASPIRANTI

  • Norme per l’accettazione degli Aspiranti: XI,268-9; XII,390-392.
  • Prima di tutto è da intendere bene che cosa voglia dire aspirante per la nostra Congregazione. Aspirante è chi desidera ritirarsi dal mondo e viene per vedere che cosa qui si faccia, se la vita nostra è conforme alla   natura sua, in una parola se la Congregazione gli piace o no. XIII,267.
  • Da noi, chi viene già adulto, è bene che si faccia lavorare molto da principio; così più facilmente acquistano lo spirito della Congregazione, se non altro si guadagnano il pane che mangiano. XIII,267.
  • Riferendosi agli aspiranti per il sacerdozio, avvertiva in tutta confidenza che non si accettasse mai per lo stato ecclesiastico nessuno che avesse avuto la disgrazia di andare in luoghi di mal affare. XVI,416.
  • Norme per la formazione degli aspiranti. XIII,263.

ASSISTENTI

  • I maestri e gli assistenti devono essere di una moralità conosciuta. Studino di evitare come la peste ogni sorta di affezione od amicizia particolare cogli allievi, e si ricordino che il traviamento di uno solo può compromettere un Istituto educativo. Si faccia in modo che gli allievi non siano mai soli. Per quanto è possibile gli assistenti li precedano nel sito dove devonsi raccogliere; si trattengano con loro sino a che siano da altri sorvegliati; non li lascino mai disoccupati neppure in tempo di ricreazione.
    Regolamento: Dell’Assistente: IV,739.
  • Avvisi e norme per gli Assistenti: IV,567; V,164; VI,68-70; VII,508; VIII,490; X,1018-1023,1103; XIV,838; XVII,112;
  • Gli Assistenti siano delicati verso i loro dipendenti. IX,355.
  • Gli assistenti dovranno rendere conto a Dio, se avranno trascurato di assistere i loro giovani e se questi per loro negligenza si fossero lasciati andare in qualche colpa. XIII,421.
  • Gli assistenti facciano uno strettissimo dovere di coscienza di riferire ai Superiori tutte quelle cose le quali conoscano in qualunque modo essere offesa di Dio. XVII,112.
  • Se i giovanetti udiranno il maestro e l’assistente lodare un libro, essi pure lo stimeranno, loderanno, leggeranno. XVII,200.

ASSISTENZA

  • Per carità, raccomando di non lasciare mai soli i giovani, ma di assisterli sempre, continuamente e dovunque. IV,384.
  • Mettere gli allievi nella impossibilità di commettere mancanze. IV,547.
  • Si faccia in modo che gli allievi non siano mai soli. IV,549.
  • Non dimenticate mai che i ragazzi mancano più per vivacità che per malizia., per non essere ben assistiti, che per cattiveria, Bisogna avere di essi sollecita cura, assisterli attentamente senza aver l’aria di farlo, prendere anche parte ai loro giochi, tollerare i loro schiamazzi e le noie che recano. IV,553.
  • Non avendo speciale occupazione fate ogni giorno in tempo di ricreazione il giro delle scale e dei corridoi, e avrete il merito come se aveste salvata un’anima. VI,773.
  • Ricordate di non mettere mai giovani nell’occasione di poter commettere una mancanza. X,694.
  • Nell’assistere nello studio non è il solo silenzio che si deve cercare, ma più di tutto la moralità. X,1019.
  • Si vede talvolta qualche disordine che si potrebbe e dovrebbe impedire; manca l’assistente. Non si stia indifferenti col pretesto che noi non siamo incaricati della sorveglianza, ma si dice invece: Ora l’assistente sono io. XII,606.
  • Fare sacrifici, ove occorra, per assistere e vigilare. XIII,84.
  • La frequente confessione e comunione, la regolare vigilanza di chi deve assistere saranno grandi mezzi preventivi (a custodire la moralità). XIII,85.
  • L’assistenza sia solidale, nessuno se ne creda dispensato, quando si tratta di impedire l’offesa di Dio. XIII,85.
  • Si faccia in modo che gli allievi non siano mai soli. XIII,920.
  • Le mancanze derivano in gran parte da difetto di sorveglianza; vigilando si previene sufficientemente il male non c’è bisogno di reprimere. XVI,16.

AUGURI CRISTIANI

  • La grazia del Signore sia di continuo con voi in quest’anno. VI,114.
  • Possiate sempre fare la Volontà di Dio. VI,114.
  • Possiate crescere in meriti colle vostre opere buone. VI,115.
  • La Vergine SS.ma vi tenga sempre sotto la sua protezione. VI,114.
  • Agli studenti io auguro che possano imparare la scienza profana, senza dimenticare la scienza dei Santi. VI,1071.
  • La Santa Vergine ci aiuti a camminare per la via del cielo. VIII,518.
  • (Ai giovani di Lanzo). come augurio particolare io vi desidero dal cielo santità, studio, moralità. XI,15.
  • Iddio vi benedica tutti e a tutti conceda la grazia di ben vivere e di ben morire. XIII,26.
  • Maria sit tibi auxilium in vita, levamen in angustiis et in periculis, subsidium in morte, gaudium in coelis. XVI,360.
  • Maria ci guidi tutti per la strada del cielo. XVIII,250.

AUSILIATRICE

  • In questi tempi È forza di proclamarlo, Dio vuole con molti eccelsi favori glorificare l’Ausiliatrice Sua genitrice, invocata col titolo di Ausiliatrice. X,81.
  • Impegnate in vostro favore Maria Ausiliatrice; e persuadetevi che ciò che non possono fare i chirurghi, lo saprà fare Lei. X,163.
  • Gli chiesero come si facesse a far conoscere e far amare Maria Ausiliatrice. E Don Bosco: parlando opportunamente di Lei con la gioventù che la Provvidenza ci affida e con le persone esterne che ci avvicinano; scrivendo qualche volta su di Lei in ogni vostra lettera ai parenti e ai conoscenti; rivolgendo a Lei chi ha bisogno di grazie speciali e raccontando i favori ricevuti per mezzo suo; distribuendo medaglie e immagini che portino la Sua effigie; recitando e facendo recitare spesso la giaculatoria: Maria Auxilium Christianorum, ora pro nobis; cantando di preferenza le sue lodi nelle ricreazioni e in chiesa, soprattutto nel suo mese. XIII,207.
  • Ella è chiamata Aiuto dei Cristiani, sia contro i nemici esterni che contro i nemici interni. XIII,409.
  • Ecco quello che dobbiamo fare noi nella festa di Maria Ausiliatrice: ripulire i nostri cuori con buone confessioni e offrirli, anzi attaccarli a Maria SS.ma, perché stiano sempre vicino a Gesù, e ciò ottenere con frequenti e fervorose Comunioni. XIII,412.
    Da tutte parti si vedono effetti straordinari prodotti da questa confidenza in Maria Ausiliatrice. XIII,804.
  • Per essere a Lei cari bisogna accostarsi con frequenza ai Sacramenti. XVI,212.
  • Il Signore e la sua Divina Madre non permetteranno che si ripeta invano: Maria Aiuto dei Cristiani, pregate per noi. XV,117.
  • Oh! Maria Ausiliatrice è un terribile patrocinio: terribile per quelli che vogliono opporsi all’opera sua, ma onnipotente per coloro che si tengono sotto il suo manto. XV,666.
  • Per essere cari a Maria Ausiliatrice, bisogna onorare il Figlio, e vi indico alcuni mezzi per farlo. Per essere a Lei cari bisogna accostarsi con frequenza ai santi sacramenti, ricevere il più sovente possibile la Santa Comunione e non potendo riceverla, fare le comunioni spirituali; poi ascoltare la Santa Messa, fare visite a Gesù Sacramentato: assistere alla benedizione, compiere opere di carità in onore di N.S.J.C, perché al Signore piace che si pratichi la carità. XVI,212.
  • Ella gusta tanto di portarci aiuto! XVI,269.
  • Maria ama la gioventù e quindi ama e benefica quanti della gioventù si prendono cura. XVI,284.
  • Maria Ausiliatrice è la taumaturga, è l’operatrice delle grazie e dei miracoli per l’alto potere che ha ricevuto dal suo Divin Figlio. XVI,292.
  • Maria sit tibi Auxilium in vita, levamen in angustiis et in periculis, subsidium in morte, gaudium in coelis. XVI,360.
  • (sogno) Predichi a tutti, grandi e piccoli che si ricordino sempre che sono figli di Maria SS. Ausiliatrice. Che essa li ha qui radunati per condurli via dai pericoli del mondo. XVII,113.
  • La Chiesa di Maria Ausiliatrice possiamo chiamarla Casa di Maria e Casa che Ella medesima si è edificata: Aedificavit sibi domum Maria. XVII,147
  • Si dica e si predichi sempre che Maria Ausiliatrice ha ottenuto ed otterrà grazie particolari, anche straordinarie e miracolose per coloro che concorrono, a dare cristiana educazione alla pericolante gioventù con le opere, con il consiglio e col buon esempio o semplicemente con la preghiera. XVII,260.
  • O Maria, Virgo potens, tu magnum et praeclarum in Ecclesia praesidium: tu singulare Auxilium Chrstianorum; tu terribilis ut castrorum acies ordinata, tu cunctas hereses sola interemisti in universo mundo: tu in angustiis, tu in bello, tu in necessitatibus nos ab oste protege, atque in aeterna gaudia in mortis hora suscipe. XVII,309.
  • Quelli che desiderano grazie da Maria Ausiliatrice aiutino le nostre Missioni e saranno sicuri di ottenerle. XVIII,477.525.
  • La Madonna vuole che la onoriamo sotto il titolo di Maria Ausiliatrice. Sm. 412, n.190.
  • Oh quante anime salverà Maria Ausiliatrice per mezzo dei Salesiani. Sm. 527, n.49.

AUTORITÁ

  • L’udiamo sempre raccomandare l’obbedienza alle autorità civili perché, diceva, chi comanda è posto da Dio a comandare. II,450.
  • Io rispetto tutte le autorità costituite come cittadino, e come cattolico e come prete dipendo dal Sommo Pontefice. IX,417.
  • Rendete ossequio a tutte le autorità civili, religiose, municipali e governative. XI,389.
  • La religione cattolica è il fondamento della prosperità degli stati, perché i sudditi non possono essere fedeli all’autorità se non sono fedeli a Dio. XI,443.
  • Piuttosto che metterci in lotta colle autorità, prendiamoci il torto, dove abbiamo ragione. XIII,283.
  • Mio gran pensiero è questo: studiare il modo pratico di dare a Cesare quel che è di Cesare, nello stesso tempo che si dà a Dio quello che è di Dio. XIII,288
  • Don Bosco si mantiene sempre scrupolosamente nella legalità; dare a Cesare quel che è di Cesare, niente di più, ma niente di meno. XIV,578.
  • Bisogna che cerchiamo di conoscere e di adattarci ai nostri tempi, rispettare cioè gli uomini, e quindi delle autorità, dove si può parlarne bene, e se non si può, tacere. Se c’è qualche buona ragione, la si faccia valere in privato. E quelle che si dice delle autorità civili, si dica assai più dell’autorità ecclesiastica. Si cerchi di rispettarla e di farla rispettare, e anche con sacrificio la si sostenga. XVI,416.
  • Colle autorità civili ed ecclesiastiche si soffra quando si può onestamente, ma non si venga a questioni davanti ai tribunali laici. XVII,268.
  • Nelle difficoltà da parte di qualche autorità spirituale o temporale, procurate di fare in modo da potervi presentare per dare ragioni di quanto avete operato. La spiegazione personale delle vostre intenzioni buone diminuisce assai e spesso fa scomparire le sinistre idee che nella mente taluni possono formarsi. XVII,270.
  • Va molto cauto nel prendere deliberazioni relative alle Autorità civili. XVII,309.

AVVISI

  • (Ad un giovane) Ricordati di curare sempre il male che vedrai negli altri, osserva che il guasto non corrompa il sano, e cerca col buon esempio e con la parola di salvare anime anche in quello stato che il Signore ti destina. Impedisci sempre i cattivi discorsi e le bestemmia ed avvisa gli sboccati, specialmente se vi fossero fanciulli presenti, acciocché non ne piglino scandalo. I,475.
  • Talvolta pensate agli avvisi che il confessore vi diede nell’ultima confessione. III,166.
    Avvisi di un amico alla gioventù secondo i bisogni dei tempi:
  • 1° Ricordatevi, o giovani, che voi siete la delizia del Signore; beato quel figlio che da giovane comincia ad osservare la legge del Signore.
  • 2° Iddio merita di essere amato perché ci ha creati, ci ha redenti e ci ha fatto e ci fa innumerevoli benefici e tiene preparato un premio eterno a chi osserva la sua legge.
  • 3° La carità è quella che distingue i figlioli di Dio dai figlioli del demonio e del mondo,
  • 4° Colui che dà buoni consigli ai suoi compagni fa grande opera di carità.
  • 5° Obbedite ai vostri superiori, secondo il comando di Dio, ed ogni cosa vi riuscirà bene.
  • 6° Chi vuol vivere da buon cattolico deve guardarsi da quelli che che parlano male della religione, dei suoi ministri e specialmente del Papa che è il padre di tutti i cattolici. Dite pur sempre essere un cattivo figlio chi parla male di suo padre.
  • 7° Guardatevi dalla lettura dei libri e dei fogli cattivi e procurate di leggerne dei buoni.
  • 8° Le abitudini formate in gioventù, per lo più durano tutta la vita; se sono buone ci conducono alla virtù e ci danno morale certezza di salvarci; al contrario guai a noi se ne prendiamo delle cattive.
  • 9° Le cose che sogliono allontanare il giovane dalla virtù sono i cattivi compagni, l’eccesso del bere, l’attaccamento al gioco, l’abitudine al fumare tabacco.
  • 10°per cattivi compagni s’intendono: quelli che cercano di parlare di cose disoneste, o fanno cose contrarie alla virtù della modestia; che parlano con disprezzo della religione; che vi allontanano dalle funzioni di chiesa o vi invitano a trasgredire i vostri doveri.
  • 11° L’eccesso del bere snerva le forze del corpo, fa venire a noia la devozione, porge occasione di frequentare luoghi pericolosi.
  • 12° L’attaccamento al gioco vi conduce alle risse, alle bestemmie, al trasgredire i vostri doveri e a profanare i giorni festivi.
  • 13° L’abuso del tabacco e soprattutto il fumarlo e il masticarlo, guasta i denti, indebolisce le forze alla gioventù e conduce a frequentare compagni cattivi
  • AVVISI di massima importanza III,608
  • Fuggite l’ozio e gli oziosi, lavorate secondo il vostro stato; quando siete disoccupati siete in gravissimo pericolo di cadere in peccato. L’oziosità insegna ogni sorta di vizi.
  • Vivete pure nella massima allegria, purché non facciate il peccato.
  • Fate ogni sforzo possibile per non mai perdere la predica nei giorni festivi.
  • Sceglietevi un confessore di vostra confidenza, frequentate i Sacramenti della Confessione e Comunione. S. Filippo Neri, quel grande amico della gioventù, esortava i giovani a confessarsi ogni otto giorni e a comunicarsi anche più spesso, secondo gli avvisi del confessore.
  • Figlio, hai un’anima sola, pensa a salvarla. Nulla giova acquistare tutto il mondo se perdi l’anima tua. Beato chi si trova in punto di morte e avrà fatto opere buone in vita sua. Scrivi, o figlio mio, nel cuore il detto mio: Fallace è il mondo, il vero amico è Dio.
  • Avvisi ai chierici, Maestri, Superiori ed Assistenti: III,613-17; 68-70; 388-93; 890; IX,384; 455, 922; VIII,980; XIV,838.
  • Se volete dare un avvertimento, datelo da solo a solo, in segreto e con la massima dolcezza. VII,508
  • Nel dare avvisi o consigli procura sempre che l’avvisato parta da te soddisfatto e tuo amico. XI,17.
  • Ringrazia sempre chi ti dà avvisi. XI,17
  • Se qualcuno di voi fosse in pericolo, si avvisi: ciascuno deve dargli il suo appoggio per procurargli qualche vantaggio. XII,607.
  • Avvisi ad ex-allievi: Dovunque vi troviate, mostratevi sempre buoni cristiani e uomini probi. Amate, rispettate, praticate la nostra Santa Religione; quella religione con la quale io vi ho educati e preservati dai pericoli e dai guasti del mondo; quella religione che ci consola nelle pene della vita, ci conforta nelle angustie della morte, ci schiude le porte di una felicità senza confini. XIV,511.

AZIONI

  • Procura di agire sempre con un principio di fede e non mai a caso o per fini umani. III,614.
  • Dà sempre grande importanza alle cose che fai. III,614.
  • Operate oggi in modo che non abbiate ad arrossire domani. IV,439.
  • Facciamo in guisa di star bene in questo mondo e nell’altro. IV,439.
  • Siate lenti nel giudicare. IV,439.
  • Quanto fai, parli e pensi, procura che sia tutto in vantaggio dell’anima tua. VI,442.
  • Io tengo questa base in tutte le mie imprese. Cerco prima bene che quella tale opera ritorni a maggior gloria di Dio ed a vantaggio delle anime; se così è, vado avanti sicuro, che il Signore non lascia mancare la sua assistenza. VI,585.
  • Noi abbiamo per massima che sempre, quando una cosa volge al bene delle anime, egli è certo che viene da dio, e non può venire dal demonio. VI,849.
  • Io non penso mai che la morte possa troncare i miei disegni, ma faccio ogni cosa come se fosse l’ultima di mia vita. VI,933.
  • In tutto quello che fai pensa se hai di mira la gloria di Dio. VII,252.
  • Era d’avviso che anche le piccole cose si debbono fare adagio e bene. La fretta suol guastare tutte le opere. VII,19.
  • Vivere in modo che gli uomini abbiano argomento di parlare bene di noi VII,252.
  • Lasciamoci sempre guidare dalla verità. VII,312
  • I giovani devono fare come i ballerini sulla corda. Essi tengono in mano il piombino e poi camminano senza guardare né a destra, né a sinistra. Il vostro piombino è la volontà di far bene. VII,575.
  • Agite come vedete agire tanti uomini seri e prudenti. VIII,37
  • I consigli dei tuoi superiori siano regola delle tue azioni. IX,35.
  • Con la frequenza ai Sacramenti s’impara a operare per principio di coscienza e non per paura dei castighi. XI,221.
  • Nelle vostre azioni bisogna sempre cominciare dal cielo. XI,457.
  • Se desiderate cominciare bene bisogna che ciascuno incominci a mettersi in grazia di Dio. XI,458.
  • Era norma di Don Bosco che dove si poteva fare tutto, si facesse almeno il poco fattibile XII,207.
  • La castità deve essere il perno di tutte le nostre azioni. XII,224.
  • Le sole opere buone sono le vere ricchezze che ci preparano un posto lassù in cielo. XII,328.
  • L’obbedienza innalza di merito tutte le azioni. XII,459.
  • Teniamoci sempre col Signore il quale è quello che guida ogni nostra azione e disponiamoci in modo che Egli non abbia a rimproverarci nel giorno in cui verrà a giudicare gli uomini. XII,559.
  • Tempo perduto sarebbe quello nel quale si fosse fatto male all’anima. XII,608.
  • Regolarsi sempre in maniera che, in qualunque ora la morte venga, ci trovi sempre apparecchiati. XII,608.
  • Il Signore ama che quello che si fa per lui, si faccia con allegrezza. XII,610.
  • Divenuti membra del santissimo Corpo di Gesù, dobbiamo tenerci a Lui strettamente uniti, non in astratto, ma in concreto, nel credere e nell’operare. XII,641.
  • Non operare mai cose, delle quali in avvenire possiamo pentirci, operare sempre cose che ci possano in avvenire tornare di utilità. XII,41.
  • (Le azioni) basta santificarle colla retta intenzione, con atti di unione al Signore e alla Madonna, e con farle meglio che potete. XII,208.
  • Chi vuol lavorare con frutto, deve tenere la carità nel cuore, e praticare la pazienza con l’opera. XVI,32.
  • Non s’incomincia bene se non dal Cielo. XVII,562.
  • Non basta sapere le cose, bisogna praticarle. XVII,630.
  • Tesori dei giovani sono castigate parole e caste azioni. XVIII
  • Le cose bisogna farle come conviene, o non farle. Sm. 558, n.152.
  • Curate sempre quello che di voi può dire il Signore, non quello che di voi, in bene o in male, diranno gli uomini. XVIII,529.