Le attività e i valori dell'Istituto Maria Ausiliatrice di Lecco

Una fiaccolata chiude i festeggiamenti per i 50 anni della Maria Ausiliatrice

26 maggio 2014

di Matteo Possenti - Resegoneonline

Nel giorno della festa della patrona della scuola, la statua di Maria Ausiliatrice è stata portata in pellegrinaggio dall’istituto di via Caldone alla basilica di Lecco.

MariaAusiliatrice 16Rol

«Light my heart», accendi il mio cuore, con queste parole-guida le suore e gli studenti dell’Istituto «Maria Ausiliatrice» hanno percorso ieri 24 maggio, festa di Maria Ausiliatrice, le vie della città, a partire dalla loro scuola in Olate fino alla Basilica di San Nicolò di Lecco.

Il corteo di suore, studenti, famiglie e clero, con la musica del Corpo Musicale Giuseppe Verdi di San Giovanni, ha accompagnato, fiaccola in mano, la statua di Maria Ausiliatrice in questo pellegrinaggio che è un ringraziamento a Maria per i cinquanta anni dell’Istituto nella nostra città.

Ma siamo noi che accompagniamo Maria, in mezzo a luoghi delle nostre vite di tutti i giorni, o è piuttostoLei che accompagna noi in mezzo alle difficoltà e alle gioie, che ci insegna a non stare concentrati su noi stessi, che Gesù è un amico a cui affidare i problemi del nostro cuore, che la nostra fede in Lui è un aiuto anche per la fede di chi ci sta accanto?

«È Maria, infatti, che ci accompagna sempre» ha detto Don Luigi Melesi, salesiano, prima cappellano nell’istituto per ragazzi difficili di Arese e poi per molti anni cappellano del carcere di San Vittore di Milano, raccontando alcuni aneddoti in cui nella sua vita è stato da Maria Ausiliatrice, «perché è a Lei che siamo stati affidati da Gesù sulla croce. “Fate ciò che Lui vi dirà” dice Maria agli inservienti di Cana, perché siamo riempiti di Spirito Santo, per convertirci e credere al Vangelo, per amare gli altri come lui ci ha amato: l’amore salva le famiglie e il mondo intero.»

Tanti ringraziamenti, da parte di tutte le parrocchie di Lecco, per la missione educativa svolta in questi anni, sono stati espressi dal prevosto don Franco Cecchin al Signore Gesù e alle suore, ricordando che il prossimo sacerdote don Luca Parolari è stato studente salesiano.

«Un nuovo cinquantennio si apre», ha detto Suor Irma Fumagalli, direttrice dell’Istituto, «con la stessa certezza che Maria ci sostiene» e con nuovi ringraziamenti da parte delle suore e della comunità educante a tutti coloro che hanno partecipato ieri sera e a tutte le iniziative dell’anno anniversario, in particolare a Mons. Franco Cecchin, a don Luigi Melesi, a Mons. Maurizio Rolla, a tutti i sacerdoti che seguono il cammino spirituale delle suore e dei ragazzi, agli educatori, all’assessore Francesca Bonacina, in rappresentanza del Sindaco, al Corpo Musicale Banda Giuseppe Verdi e al Coro.

Torna Indietro «