Le attività e i valori dell'Istituto Maria Ausiliatrice di Lecco

Liberi di educare

28 ottobre 2016

convegno-1

L’IMA tra gli Istituti promotori del convegno “Liberi di educare per educare alla libertà

La nostra scuola è stata tra gli istituti promotori del convegno “Liberi di educare per educare alla libertà”, tenutosi martedì 25 ottobre presso l’auditorium “Casa dell’economia” della Camera di Commercio di Lecco, alla presenza di genitori, docenti, politici e imprenditori.

L’obiettivo della serata è stato quello di riflettere sul tema dell’educazione e, soprattutto, della libertà di scelta che ogni famiglia dovrebbe esercitare in merito all’educazione da impartire ai propri figli: come ha ricordato suor Anna Monia Alfieri – presidente regionale FIDAE e relatrice della serata -, «già nella Costituzione l’articolo 30 sancisce che la responsabilità educativa è della famiglia. Ma nei fatti questo non accade perché manca la libertà nell’esercitarlo dal momento che essa è legata al vincolo economico».

Tra gli altri relatori, Giorgio Vittadini, presidente della Fondazione della Sussidiarietà, si è soffermato sull’importanza dei non cognitive skillsnel processo di apprendimento, cioè di tutti quei fattori non legati direttamente alla conoscenza disciplinare, come la relazione o le competenze (quali le capacità di estroversione, di apertura all’esperienza e di stabilità emotiva) che saranno, poi, fondamentali per tutti gli ambiti della vita. Questi non cognitive skills sono sempre alla base delle linee didattiche e pedagogiche delle scuole paritarie che, però, per poter mantenere un certo standard e, quindi, per evitare il rischio dell’obsolescenza (la quale, ormai, è di 5 anni), dovrebbero raggiungere una reale autonomia che, di fatto, coincide con una reale parità.

La stessa autonomia si rivela indispensabile per vincere la sfida di cui ha parlato l’ultimo relatore, Alessandro Mele, direttore della scuola Oliver Twist di Como: quella, cioè, di “stare al passo” con i repentini cambiamenti in atto, ripensando la didattica in modo che i ragazzi si aprano a uno spirito critico e di imprenditorialità.

La Scuola Secondaria di II grado dell’Istituto Maria Ausiliatrice, con i tanti progetti di alternanza scuola-lavoro previsti per il triennio (alcuni già avviati, altri in fase di progettazione) e con le attività proposte a tutti gli studenti, sta lavorando proprio in questa direzione, nella speranza di formare futuri professionisti con uno sviluppato senso critico, alla ricerca del bene comune.

 

Torna Indietro «